Gilet gialli approfittano per depredare un Apple Store

Apple Store Bordeaux

Personalmente non credo molto alle manifestazioni violente in piazza. Come quelle sognate da qualche italiano seduto dietro al computer su Facebook. In Francia, dove sono più guerrafondai, mi hanno convinto ancora una volta che le rivoluzioni si fanno nelle cabine elettorali.

I gilet gialli, sbucati dal nulla 3 settimane fa, sono manifestanti arrabbiati per l’aumento delle accise sul gasolio. Fin qui tutto bene, se non fosse altro che il movimento di protesta sta attirando la feccia. Persone che indossa un gilet catarifrangente per delinquere.

Ieri, per esempio, nell’Apple Store di Bordeaux i manifestanti, o chi si spacciava tale, hanno approfittato delle proteste per depredare il negozio. Al grido di “no alle accise sul gasolio” hanno trovato utile rubare iPhone, iPad, Apple Watch e Mac per far comprendere meglio il loro messaggio.

Ovviamente si tratta di ladri e probabilmente partiranno le indagini per individuarli e arrestarli. L’operazione di ruberia ricorda la spesa proletaria del 2004, dove alcune persone del movimento No Global approfittavano delle proteste per depredare i supermercati.

Cosa ne pensi?