Adobe Glasswing

Il mondo della pubblicità per strada è già popolato da schermi. Sono forme nuove che consentono di adattare il contenuto della pubblicità senza dover attaccare e staccare manifesti di carta. Inoltre gli schermi spesso sono collegati a degli speaker che contengono messaggi audio.

Adobe pensa al passo successivo e realizza lo schermo touchscreen trasparente. L’obiettivo è creare vetrine interattive per i negozi. In questo modo i passanti possono toccare in corrispondenza dei prodotti esposti e ricevere informazioni, come personalizzazioni e specifiche.

Il progetto si chiama Glasswing e ha impiegato un team di 5 persone per un anno. Il risultato è stato uno schermo touchscreen trasparente. Ma come ci si è arrivati? Di base tutti gli schermi touchscreen possono essere trasparenti. Il problema sta nella retroilluminazione degli schermi LCD.

Se non c’è retroilluminazione i contenuti non si vedono. Adobe ha quindi applicato la tecnologia che rende gli occhiali opachi, creando un display fatto di tre strati: uno strato trasparente, uno opacizzante e una copertura touchscreen. In pratica quando appare il contenuto si rende opaca solo l’area dove questi appare.

È una sorta di meccanismo a livelli usato nel mondo dell’editing fotografico. La cosa interessante è che i contenuti per il Glasswing possono essere creati con i software di Adobe, come Photoshop, After Effects e Premiere Pro.

Al momento lo schermo costa 4.000 $, ma la società è sicura di poter abbassare di molto i prezzi quando inizierà la produzione in massa.

Leave a comment

Cosa ne pensi?