Surface Earbuds, la risposta di Microsoft alle AirPods

Sono molto soddisfatto delle mie AirPods Pro e non le cambierei con nessun altro auricolare. C’è da dire che ho tutti i dispositivi di Apple, quindi per gioco forza si integrano bene. Chi usa altri dispositivi può trovare comodo usare altro. Per esempio chi usa Android potrebbe preferire le nuove Surface Earbuds di Microsoft.

Annunciate nell’ottobre del 2019, gli auricolari ora diventano disponibili sul mercato. Fisicamente ricordano dei bottoni, oppure degli orecchini. Sono certamente vistosi. A differenza di Apple, che ha preferito usare due stanghette verso il basso, Microsoft ha optato per un enorme pulsante collegato agli auricolari.

La società assicura che sono confortevoli grazie ai quattro punti di ancoraggio nell’orecchio. Un’altra differenza con le AirPods è il controllo del volume sulla superficie touch. Con gli auricolari di Apple bisogna delegare questa funzione a Siri.

Dal diametro di 25 mm, pesano 7,2 grammi. Il driver da 13,6 mm è stato disegnato dall’azienda di Redmond. Ogni auricolare ha 2 microfoni. Non hanno però la riduzione del rumore esterno come le AirPods Pro. La batteria offre 8 ore di autonomia (mentre le AirPods Pro 5 ore) e la custodia fornisce 3 ricariche per arrivare a 24 ore proprio come la custodia delle AirPods.

L’elemento in più è sicuramente l’integrazione con la suite di Office 365, ma richiede Windows 10. In pratica consente di usare gli auricolari come telecomando con il controllo touch, oppure fornire comandi vocali.

Il prezzo delle Surface Earbuds in Italia è di 219,99 €. Gli studenti possono averle per 197,99 €. Saranno disponibili dal prossimo 12 maggio.

Cosa ne pensi?