Il nuovo MacBook Air con processore M1
Il nuovo MacBook Air con processore M1

Il primo computer ad avere il nuovo processore M1 di Apple è il MacBook Air. Il computer ultra leggero si aggiorna con numerose novità. Forse la prima è l’assenza di ventole. Ora è completamente silenzioso come gli iPad e iPhone.

Grazie alla presenza del nuovo processore M1 il MacBook Air è 3,5 volte più veloce del precedente per il calcolo e 5 volte più veloce per la grafica. Per il machine learning, grazie al chip Neural Engine da 16 core, è ben 9 volte più veloce.

Il nuovo chip non porta solo a un aumento considerevole della velocità, ma anche i consumi si riducono di molto. Ora la batteria dura fino a 18 ore, vale a dire ben 6 ore in più del modello precedente. In pratica con una carica potrete lavorare tutto il giorno in mobilità.

La società non ha integrato il FaceID come sperato, ma troviamo la conferma dell’uso del Touch ID per accedere con sicurezza ai dati. La società afferma anche che c’è una gestione unificata e ultra veloce della memoria fino a 16 GB, per il passaggio a bassa latenza tra CPU, GPU e Neural Engine.

Il nuovo MacBook Air supporta anche la gamma cromatica P3 per il 25% di colori sRGB in più, tecnologia True Tone, fotocamera migliorata grazie al Neural Engine e 3 microfoni per garantire suono nitido. Ma veniamo ai prezzi.

Il modello base costa 1.159 € e ha 256 GB di memoria SSD. Per 1.429 € si attengono 512 GB. La differenza tra i due sta solo nel disco visto che il chip M1 è uguale e la GPU è quella proprietaria di Apple. La memoria RAM è di 8 GB. Integra 2 porte Thunderbolt/USB.

Le prenotazioni partono oggi con spedizioni dal 17 novembre.

Join the Conversation

2 Comments

  1. “La differenza tra i due sta solo nel disco visto che il chip M1 è uguale e la GPU è quella proprietaria di Apple”. Sbagliato. La differenza sta anche nel chip M1 fronte GPU che passa da 7 a 8 core.

    1. Oppure i core sono uguali ma nell’Air uno è bloccato per evitare che si surriscaldi. Stessa cosa accaduta nell’iPad Pro di ultima e penultima generazione

Leave a comment

Cosa ne pensi?