La scheda del nuovo MacBook Pro con processore M1
La scheda del nuovo MacBook Pro con processore M1

Chi vuole il massimo dell’efficenza nell’uso del computer portatile ora può contare sul nuovo MacBook Pro. Questi recentemente aggiornato ha il processore M1 proprietario di Apple.

Grazie al nuovo chip a 5nm, con 16 miliardi di transistor, il nuovo MacBook Pro raggiungere una velocità 2,8 volte superiori alla precedente, con un aumento delle prestazioni grafiche della CPU fino a 5 volte superiori.

Il Neural Engine, la parte di processore che si occupa del machine learning, offre un aumento delle prestazioni ben 11 volte superiori alla generazione precedente. Questo consente di applicare soluzioni di intelligenza artificiale e auto apprendimento nettamente superiore.

Il nuovo processore proprietario non significa solo un aumento della velocità, ma anche un aumento dell’autonomia della batteria. Ora il MacBook Pro garantisce un’autonomia di ben 20 ore. Esattamente il doppio rispetto al precedente. Questo significa che con una carica si può affrontare una giornata intera di lavoro.

A differenza del MacBook Air, il Pro ha una ventola di raffreddamento a bassa rumorosità. Questa si attiva solo quando il processore entra a pieno regime di calcolo. La gestione unificata ultra veloce della memoria consente di condividere i dati velocemente tra CPU, GPU e Neural Engine. Non manca il Secure Enclave per garantire l’integrità e la sicurezza dei dati.

Lo schermo ha una luminosità di 500 nit e una gamma cromatica P3 per il 25% di colori in più con lo spettro sRGB. C’è anche il True Tone e 3 microfoni per garantire chiarezza audio. Ma veniamo ai prezzi.

Il nuovo MacBook Pro con processore M1 da 256 GB costa 1.479 €, mentre la versione da 512 GB costa 1.709 €. Entrambi hanno 8 GB di memoria RAM e due porte Thunderbolt/USB. La versione da 16” è al momento disponibile solo con processore Intel i5 quad core da 2 GHz. Quindi non ha il nuovo chip M1.

I pre-ordini dei nuovi MacBook Pro partono oggi con consegna dal 2 dicembre.

Leave a comment

Cosa ne pensi?