La scheda del Mac mini con processore M1 di Apple
La scheda del Mac mini con processore M1 di Apple

Il primo computer desktop di Apple ad avere il nuovo processore M1 proprietario è il Mac mini. Ora il piccolo computer, al quale dobbiamo aggiungere schermo, tastiera e mouse, promette prestazioni pari ai fratelli maggiori.

La velocità della CPU con il processore M1 aumenta di ben 3 volte, mentre le capacità di grafica aumentano di ben 6 volte. Questo significa che il Mac mini può essere usato tranquillamente per giocare in 3D.

Il Neural Engine, il processore che Apple ha realizzato per il machine learning e il deep learning, ha 16 core e questo consente al Mac mini di aumentare la capacità di calcolo di ben 15 volte rispetto alla generazione precedente.

MacOS Big Sur consente la massima reattività del computer per poter lavorare come un computer professionale. La gestione unificata ultra veloce della memoria RAM consente un passaggio istantaneo dei dati tra CPU, GPU e Neural Engine.

Il suo design con 20 centimetri per lato lo rendono il computer più veloce della sua gamma. Sulla sua scocca troviamo l’ingresso per la porta Ethernet, 2 porte Thunderbolt/USB 4, una porta HDMI e 2 porte USB-A oltre al jack per le cuffie. All’interno una ventola a bassa rumorosità per favorire il raffreddamento. Ma veniamo ai prezzi.

Il nuovo Mac mini costa 819 € nella versione da 256 GB, che passa a 1.049 € nella versione da 512 GB. Di base 8 GB di memoria RAM. Volendo si può ordinare una versione potenziata in fase di configurazione.

I pre-ordini partono oggi con le prime spedizioni a partire dal 17 novembre. È ancora in vendita il modello con processore Intel i5 a 6 core da 3 GHz. Il prezzo è di 1.359 €.

Leave a comment

Cosa ne pensi?