Nel 2005, quando Apple presentò il primo Mac con processore Intel, ci fu subito l’annuncio del supporto a Windows. Il sistema operativo di Microsoft, al 77,74% del mercato dei computer desktop, poteva essere usato anche nei Mac grazie al sistema Boot Camp.

Apple avrebbe conquistato chi voleva usare un bel Mac anche se obbligato a usare Windows, magari con la speranza nel frattempo di convincerlo a usare solo macOS. Ma con il nuovo chip M1 e la fine dell’era Intel nei Mac, quale futuro per Windows?

A tal proposito arrivano buone notizie per chi vuole usare il sistema operativo di Redmond. Passare dai chip Intel agli M1 basati su architettura ARM non significa automaticamente escludere Windows. È vero con Big Sur, il sistema operativo che sarà rilasciato oggi, Boot Camp sarà deprecato.

Quindi non possiamo avviare il nostro Mac e usare Windows come sistema di base. La celebre Parallels ha però annunciato di lavorare già a un aggiornamento per virtualizzare Windows in Parallels Desktop. Questo è reso possibile da due soluzioni:

  • La prima è una maggiore velocità di virtualizzazione dei sistemi operativi fornita dalle alte prestazioni dei chip M1.
  • La seconda è la versione di Windows che Microsoft ha creato proprio per i chip ARM.

La società di Redmond, infatti, a settembre ha annunciato di lavorare su una versione del suo celebre OS ottimizzata per i chip ARM. Non per via di Apple, ma perché molte aziende partner, come Acer e Asus, hanno per l’appunto lanciato dei computer con processore ARM.

Quindi anche se non nativamente, Windows potrà essere utilizzato nei Mac con la virtualizzazione.

Join the Conversation

6 Comments

  1. Scusa kiro, bel comunicato che hai linkato, Parallela non dico che sta lavorando alla virtualizzazione di Windows su Parallela desktop. Cita solo Windows per il supporto x64 di emulazione nelle ultime release insider.

    1. Se non vi stanno lavorando perché citare Windows nell’articolo? Non si cita per puro omaggio perché sono amici o altri motivi del genere.

  2. Questa è una tua speculazione.. citano Windows perché sta sviluppando emulazione per le applicazioni x64 (come ha correttamente citato Macitynet).. tolta la tua considerazione, la frase “Parallels ha annunciato che sta lavorando..” è falsa

  3. A parte Windows arm, le app Windows x86 saranno sempre incompatibile (con Windows stesso) a meno che non si faccia una emulazione forzata. Praticamente tutto il software industriale come gli Erp SAP etc… saranno esclusi.
    Forse qualche speranza per utilizzare Office dato che la versione Mac è bruttina

Leave a comment

Cosa ne pensi?