L’app BeAware del Bahrain è una delle prime ad integrare il sistema
L’app BeAware del Bahrain è una delle prime ad integrare il sistema

In questi giorni cade il primo anniversario dell’emergenza COVID-19 e attualmente non abbiamo ancora risolto il problema. Il vaccino sembra la soluzione ideale. Lo dimostrano i dati in Israele dove sono stati vaccinati 1/3 della popolazione totale. I casi sono crollati del 94%.

In Italia siamo arrivati a 3,4 milioni di dosi somministrate. Con questo ritmo termineremo nel 2023, quindi si spera che il nuovo governo riesca a velocizzare le vaccinazioni e soprattutto che i no-vax siano più responsabili.

Intanto ci si chiede, nell’ottica di tornare alla normalità, se puntare su un patentino del vaccinato. Se verrà confermato che i vaccinati non sono contagiosi, chi si è vaccinato potrebbe usufruire dei servizi e tornare alla normalità, quindi potrebbe frequentare ristoranti, uscire in tutte le ore, andare in palestra e così via.

La Campania è una delle prime regioni ad aver pensato a questo sistema e infatti ha distribuito delle card fisiche sin dal primo giorno. Una sorta di patentino del vaccinato. Il resto dell’Italia non ha ancora deciso.

Intanto Apple prova a regolare la crescita del numero di app in grado di digitalizzare il passaporto del vaccinato. La società ha scritto alcune linee guida per evitare il fenomeno dei documenti falsi.

Saranno accettate solo le app munite di una certificazione ufficiale rilasciata dalle autorità di sanità pubblica. Quindi solo enti governativi, istituti medici ufficiali o altre istituzioni muniti di credenzialità mediche ufficiali potranno avere la loro app nell’App Store.

Una delle prime si chiama BeAware ed è stata realizzata dal Bahrain. L’app consente di inserire le proprie credenziali e accedere al certificato digitale da mostrare in caso di controlli. Il certificato contiene anche un codice QR per una scansione veloce.

Anche la Danimarca si sta muovendo in questo senso e avrà la sua app a breve, mentre la Svezia conta di averla entro l’estate.

Leave a comment

Cosa ne pensi?