ChatGPT 4
ChatGPT 4

Alla fine è arrivato. Dopo mesi di attesa, dopo 3 anni dal rilascio della versione 3, chatGPT-4 è realtà. Si tratta della versione più moderna, intelligente, complessa dell’intelligenza artificiale generativa di OpenAI.

Secondo OpenAI, che lo ha messo a punto grazie alla collaborazione di Microsoft, che le ha fornito il supporto del cloud di Azure per scalare la potenza di calcolo necessaria, chatGPT-4 raggiunge il livello di intelligenza umana in numerosi test accademici.

Le capacità di chatGPT-4

A differenza della versione 3 del modello Generative Pre-trained Transformer, la versione 4 dà risposte molto più creative, affidabili e complete.

I test di benchmark si sono avuti considerando i test più serrati nel settore accademico. I dettagli potete leggerli in un apposito documento.

I risultati dei test di esame tra le varie versioni di GPT
I risultati dei test di esame tra le varie versioni di GPT

Per esempio con l’Uniform Bar Exam, GPT-3.5 ha raggiunto il 10° percentile di successo. GPT-4 ha raggiunto il 90% di successo. L’esame di matematica AP Calculus BC con GPT-3.5 si arriva al massimo al 7%, mentre con GPT-4 il 59%.

Buone notizie anche per le traduzioni nelle varie lingue. Con i benchmark di accuratezza MMLU su 14.000 parole, il modello raggiunge una precisione dell’inglese dell’85,5%, mentre l’italiano del ben l’84,1%. La nostra lingua ha il secondo livello di accuratezza più alto al mondo.

La nuova versione riesce a trattare i testi con maggiore efficacia, mostrando un livello di creatività maggiore. Elemento che diventa importante nella produzione di testi, canzoni, poesie e così via.

Le novità di chatGPT-4

Un’altra delle novità più importanti della versione 4 del chatbot di OpenAI è la capacità di analizzare le immagini. Non permette ancora di generare immagini o video, come le indiscrezioni indicavano qualche giorno fa, ma può analizzare il contenuto delle immagini.

Questo diventa molto utile soprattutto se si utilizzano le API di GPT-4 in servizi e app. Per esempio può essere utilizzato per generare in automatico le descrizioni delle immagini per l’accessibilità, classificare le immagini, creare analisi delle foto e così via.

Aumenta anche la capacità di gestire dei testi. Ora si possono dare in pasto a chatGPT fino a 25.000 parole. Che è praticamente la lunghezza di un saggio breve. Il sistema, quindi, può essere usato per l’analisi di documenti molto lunghi.

Le limitazioni di chatGPT-4

Purtroppo al momento chatGPT-4 non riesce ancora a elaborare immagini o video. Inoltre il suo modello di addestramento, per quanto sia più avanzato, continua ad avere delle limitazioni sulla qualità dei materiali.

Non conosce buona parte degli avvenimenti più recenti. Pare fermarsi al settembre del 2021, nonostante al suo interno si trovi anche qualcosa di più recente. Non indicizza i fatti di cronaca in tempo reale. In altre parole la sua intelligenza si ferma sempre all’elaborazione del testo che gli si dà in pasto.

Il modello ha ancora dei bias, non è molto preciso con le previsioni e non effettua dei double check per evitare errori. In altre parole potrebbe dare ancora risultati inaccurati. Inoltre le risposte sono più lente rispetto al modello 3.5. Quindi i testi saranno generati più lentamente.

Essendo un modello di apprendimento, nel lungo periodo può diventare molto più completo e affidabile del modello precedente. OpenAI ha indicato che il nuovo modello ridurrà molto risposte su contenuti sensibili dell’82%, per esempio su come si fabbrica una bomba. I consigli medici si ridurranno del 29%.

Per ulteriori informazioni potete leggere il dettaglio nella pagina ufficiale.

Come usare chatGPT-4

La nuova versione di chatGPT-4 è stata integrata al momento solo per gli iscritti a chatGPT Plus, l’abbonamento da 24 dollari al mese. In futuro sarà allargato a tutti.

Le API sono disponibili per gli iscritti a un’apposita lista di attesa. Questa al momento valgono solo per le elaborazioni del testo. Per le elaborazioni delle immagini sarà necessario attendere un altro po’.

Il prezzo per l’uso delle API è di 0,03 $ per 1.000 token, con un limite di 40.000 token al minuto e 200 richieste al minuto.

L’uso di chatGPT-4 nel sito di OpenAI è limitato a 100 richieste ogni 4 ore.

In conclusioni

Nonostante alcune limitazioni ancora presenti, come l’incapacità di elaborare immagini o video e la conoscenza di eventi solo fino a settembre 2021, chatGPT-4 rappresenta un passo avanti significativo nel campo dell’intelligenza artificiale.

Le sue capacità avanzate di analisi delle immagini, gestione di testi lunghi e miglioramento nella traduzione in diverse lingue lo rendono uno strumento potente per molteplici applicazioni.

Attualmente, chatGPT-4 è disponibile solo per gli abbonati a chatGPT Plus, ma verrà esteso a tutti in futuro.

Leave a comment

Cosa ne pensi?