Apple presenta Lion, il nuovo OS X 10.7

Tempo fa ci si aspettava di vedere Os X nell’iPad e non l’iOS dell’iPhone. Apple, però, ha fatto l’inverso: ha portato un po’ di iOS in Os X generando quello che è stato ritenuto uno degli aggiornamenti più corposi del sistema operativo per Mac. E’ nato, così, Lion.

La versione 10.7 di OS X reggerà, al momento, su tre pilastri portanti: l’App Store per applicazioni per Mac, la visualizzazione a pieno schermo e Mission Control, il centro di comando del Mac. Steve Jobs dice di essere stato ispirato dall’iPad.

Mac App Store funziona proprio come l’App Store. Gli sviluppatori potranno inserire le proprie applicazioni e i clienti potranno installarle con un click e aggiornarle tutte con altrettanta semplicità. A fronte di questa semplicità e visibilità gli sviluppatori, che attualmente sono 600.000, dovranno corrispondere il 30% sulle vendite ad Apple. Al momento, però, non si sa se potranno continuare a venderle anche fuori ai circuiti del Mac App Store. L’apertura del negozio è prevista nei prossimi 90 giorni.

Launchpad è una sorta di gestore di queste applicazioni. Premendo sull’icona di Launchpad, infatti, l’interfaccia del Mac muta e diventa come quella dell’iPad con le applicazioni sotto forma di icone. Lanciando un’applicazione tutto ciò che è sul desktop, compreso il dock, spariscono per permettere l’utilizzo dell’applicazione a pieno schermo. Le icone delle applicazioni sono raggruppabili in cartelle proprio come avviene in iOS.

Mission Control, infine, permette di avere pieno controllo su ciò che avviene sulle scrivanie del Mac mediante l’integrazione di Exposé, Spaces e Dashboard. Il tutto è supportato da nuove gesture del multi-touch richiamabile dal trackpad dei portatili, dal Magic Trackpad o dal Magic Mouse.

Lion sarà disponibile per la prossima estate. Al prossimo WWDC 2011 sapremo tutte le sue novità e gli sviluppatori potranno lavorare alla beta. Ancora nessuna informazione sul prezzo.

11 Comments

  1. Kiro, secondo te, in questo keynote, steve ha deciso di mostrare solo ed esclusivamente le nuove funzioni, o la grafica delle finestre rimarrà la stessa, così come il colore del menu in alto (che io gradirei venisse fatto a mo’ di menu del dock, ovvero black)?
    Te lo chiedo perchè da un lato sarebbe deludente che le finestre rimanessero così, invariate da 4 anni.. Così come la scroll bar: a cosa serve ormai?? Chi è che utilizza ancora il cursore per far scorrere la pagina??? Forse un anziano, che ancora non ha saputo che utilizzando la rotellina (o il touch del magic mouse) si fa molto prima!! O sbaglio?
    Inoltre, secondo te non sarebbe più logico che, ad esempio, in safari la parte più alta della finestra fosse a scomparsa, di modo da avere il web a schermo pieno?? Poi al passaggio del cursore nella parte alta, ecco ricomparire tutto quanto.
    Secondo me lo è eccome, e mi domando perchè non ci sia già questa funzione!

  2. devo dire che il mac app store mi fa un po’ paura. di sicuro saranno gli unici canali di vendita online per ilife, iwork e gli altri software pro ( forse rimarranno ancora via cd ma chissà). ergo sarà difficile trovare copie pirata sulla rete.
    le major del software avranno tentennamenti a fare una cosa del genere mentre i piccoli ci entreranno e molti si sposteranno da ios a osx..
    non mi convince per niente questo mac app store.

  3. Credo anche io diventerà l’unico canale di vendita di programmi targati apple (non tutti, non credo che i giga e giga di final cut o logic saranno in download) ma se non ho capito male sarà semplicemente autoinstallante (ma chi ha mai “installato” ilife??) per cui le copie piratate ci saranno lo stesso, basta reinstallarle… e il jail break c’è dopo due giorni su iphone e ci sarà anche su mac vedrai.
    Quello che spero è che rimanga un repository nel senso stretto e non pian piano un sistema completamente chiuso, ma credo che non venderebbe in questo caso.

    Lion con tutta l’attesa che ha avuto porterà ben più novità, ricordate quelle di Leopard? secondo me Lion sarà simile… di queste presentate se togli lo store che partirà tra 90 giorni, le altre pur interessantissime sono poca roba per un nuovo os. Io conto su un rinnovo del finder, barre di scorrimento eliminate (o a scomparsa) e via via tutto a pieno schermo.
    Lo vedremo col prossimo Safari magari già prima di lion (e cmq nella pagina dedicata sul sito apple parla di “app a tutto schermo” quindi tutte).
    Mission control sarà la rivoluzione dell’accesso ai programmi e mi sembra di notare una svolta verso un sistema con sempre più programmi aperti in stand-by, per cui mi aspetto la memoria flash su tutti i mac di prossima produzione per avvio istantaneo del computer e dei programmi in background che non andranno più a pesare sul sistema, il tutto associato ai soliti dischi per l’archiviazione standard. E torneremo a parlare di innovazione sui mac, per davvero. 😉

  4. AppStore x Mac è una gran cosa. Spero porterà ad una riduzione di prezzo di molte applicazioni ed una maggior disponibilità e qualità di soluzioni per impiego professionale.

  5. Bé Allessando….la pirateria non è una cosa “positiva”….se sarà difficile meglio cosi….la pirateria ha già fatto troppi danni…in molti settori.

    cmq questa è un ANTICIPAZIONE di LION….direi che manca ancora molto a questa estate..per cui direi che hanno presentato soltanto alcune delle caratteristiche…quindi diamo tempo al tempo…

  6. @ stefano
    non ho certo detto che la pirateria sia cosa buona e giusta. solo che fin’ora non ho visto app piratate per ios ( se non su jailbreak) ergo le software house saranno interessate per questo a inserirsi dentro lo store anche se rinunciare al 30%degli introiti solo per essere sicuri da questo punto di vista… bah staremo a vedere

  7. Il Mac app store è roba già vista… su Ubuntu! 🙂

    Se ci pensate bene è identico: repository e interfaccia semplice divisa per categorie.

    E questo non vuole essere una polemica, ma un punto in più a favore della Apple: che qualcuno si stia rendendo conto che i molto spesso snobbati linux non siano poi così malvagi?

    Alcuni (ho sentito io stesso) pensano che il lavoro di linux sia ridicolo :angry: ma forse qualcuno si sta rendendo conto che non è così….

    Aspettiamo Lion con ansia!

  8. @ Mattia:

    C’è una bella differenza, i repository su linux (E non solo su Ubuntu :P) non forniscsono software a pagamento, non impostano il programma per funzionare soltanto sulla macchina nella quale sono stati scaricati e non sono l’unico canale software di un OS.
    Se il mac app store verrà usato solo per programmi di una certa levatura e da quelli proprietari apple, niente da dire … se si allargherà e tenderà a diventare la bolgia che c’è nell app store odierno, my god ….

  9. Io sono rimasto un po’ deluso, da Lion mi aspettavo molto di più… Confido sul fatto che questa sia solo un’anteprima molto molto preliminare 😉

Cosa ne pensi?