Steve Jobs avrebbe dichiarato che il bluray è un prodotto del male

Chi attendeva l’arrivo della tecnologia bluray nei Mac credo che dovrà mettersi l’anima in pace. Steve Jobs non ha nessuna intenzione di adottarla per due motivi. Il primo è perchè la considera una tecnologia superata. In piena vena ottimistica, il CEO di Apple considera lo streaming internet già al passo con il flusso ad alta risoluzione dei dischi bluray, quindi tra qualche anno non sarebbe più necessario avere un lettore ottico, perchè la rete permetterà di vedere i film in full HD.

Il secondo motivo, invece, è la questione di principio. Anche se Apple aveva appoggiato il consorzio bluray nei primi tempi, in una riunione interna Steve Jobs avrebbe definito questa tecnologia frutto del male, perchè gestita con un sistema che ricorda la mafia. Oltre a non utilizzare formati aperti, per sfruttare il bluray bisogna passare per il pagamento di tutta una serie di licenze, come gli 8.000 $ da dare alla AACS, gli 80.000 $ da dare a Sony e i 40.000 $ da dare a Sonic.

Giustamente le società che hanno partecipato al consorzio, e che hanno investito ingenti somme di denaro, si aspettano di vedere un ritorno economico dalle licenze di utilizzo, ma a quanto pare dovranno fare a meno dei soldi di Apple.

[via hardmac]

  • Perché, la Apple non è gestita allo stesso modo?

  • @danmartin
    È la stessa cosa che ho pensato pure io.

    Insomma, mica sono degli agnellini quelli di Apple, vedi le restrizioni dell’iPhone, dell’AppStore, la mancata collaborazione con Adobe per portare Flash sull’iPhone…

  • Pinna

    Come si dice.. Quando la volpe non arriva a prendere l’uva dice che è marcia 🙂