Sondaggio: libererete il vostro WiFi?

La Gazzetta Ufficiale n.225 del 2010 ha riportato la fine del Decreto Pisanu, quel decreto che portò a norme molto restrittive sulla condivisione del WiFi in Italia per fini di ordine pubblico e sicurezza.

Restano alcuni obblighi per chi fa della condivisione del WiFi la sua attività commerciale principale, ma tutti gli altri non dovranno chiedere il consenso alla Questura per condividere la propria rete e, soprattutto, non sono chiamati a raccogliere i documenti e le autorizzazioni di chi la usa.

Il tutto si traduce con la libertà, qualora il cittadino lo volesse, di condividere liberamente la propria connessione WiFi senza andare incontro sanzioni. Restano gli obblighi di provare la propria innocenza in caso di abusi dell’utilizzo della connessione. Detto ciò, si potrà, quindi, rendere pubblica la propria rete. Ecco un sondaggio per voi.

Libererete il vostro WiFi?

View Results

Loading ... Loading ...
  • Essendo all’ultimo piano sarebbe inutile in quanto ne
    potrebbe usufluire solo il mio vicino…in ogni caso preferisco
    proteggerla in quanto voglio evitare che chi si collega alla mia
    rete entri dentro il mio Mac…

  • Franco101

    non sono d’accordo su liberare la mia rete,primo,perché pago la connessione,secondo dovrebbe essere la pubblica Amministrazione a rendere una rete libera per la città,o per il paese in cui si abita,sopratutto locali,come bar e ristoranti,per esempio.Già pago una connessione di cui faccio fatica a navigare oltre i 6 mega,per tutta la giornata,di solito la mattina dal pomeriggio,fino a sera molto tardi,la media sta tra i 3/2 mega,a volte anche a meno di 1 mega.

  • Marco

    Il senso della legge non è questo, è fatta per i locali pubblici e per i comuni. Se io pago una rete a casa mia perché devo liberarla e regalare connessione agli altri?
    Sondaggio poco utile!

    • @Marco: nessuno ti obbliga a condividere la tua rete. Come nessuno ti obbliga a collegarti ai Wifi altrui se li trovi aperti.

      • Franco101

        Questa la trovo giustissima,ma gli Italiani sono bravissimi a non essere coerenti,e quando hanno a che fare con il “gratis” oppure preso,senza chiedere,sono molto bravi.

  • Il Professore

    Trovo questo sondaggio poco utile perchè non è rivolto ai gestori di locali pubblici. E per ragioni di sicurezza raccomando di proteggere con password l’accesso alla propria rete personale.

    • Marco

      Appunto, qui non si è capito che la legge riguarda i locali pubblici, mentre il sondaggio è rivolto a noi utenti normali. Questo è l’errore di fondo secondo me, la legge è chiara ed è utilissima ma il privato non è menzionato. Poi si possono fare tutti i sondaggi che si vogliono ma questo è come chiedere se vi piace o no qualcosa che non esiste! Nessuna polemica, tutto a buon rendere. 😉

  • Lawilet

    Kiro tu la condividi?

    Nemmeno se fosse gratis terrei la mia aperta, se è mia non vedo perchè debba essere, ad esempio, tua. Pagando non concepisco il “condividere”. Tu vuoi condividere con me il tuo abbonamento dati per l’iphone? tu lo paghi, io lo uso.

  • Area51

    Che tristezza. Cosa ne sapete voi della condivisione. Menomale che i commenti di queSti sfigati nn sono statisticamente significativi.

  • Matteo

    Io la condividerei, ma mi servirebbe un tool, qualcosa, che mi permetta di decidere quanta banda lasciare aperta e quanta proteggerne con password

    per dire, io ho fastweb (quindi già l’hag non è toccabile) e di 10 megabit che ho, uno potrei anche donarlo alla causa…cioè, se uno deve scaricarsi la posta è bello che possa farlo grazie a me. Se devi scaricarti roba fatti un abbonamento e sii felice

  • Henry

    FONERA è La risposta..

    La communiti WI FI condivisi più grande al mondo:

    http://www.fon.com/it

    Il router fonera genera 2 circuiti logici differenti:
    1 privato
    2 pubblico e libero

    Il fatto che io condivida la mia rete mi permettere di accedere a tutti i “fon spot” del mondo garatuitamente.

  • Matteo

    Bravo Area51, hai vinto il premio.

    Tu che ne sai della condivisione? e della proprietà? hai qualcosa di tuo, comprato da te coi soldi, che ti sei guadagnato? lo condividi?

    Condividi con me casa tua, ne ho bisogno. tu che ne sai della condivisione.

    • Area51

      Condividere la proprietà intellettuale è uno dei cardini della rete. La Demagogia è una delle rovine sulle quali si costruisce l’Italia.

  • Xplosion

    Il sondaggio è utile ma occorreva una precisazione. La condivisione fa parte del futuro, come il car sharing. è utile ed economico come il couch surfing. Tu paghi la tua connessione, ma la utilizzi tutto il giorno al 100% della banda? Ovviamente no! Quindi possiamo dire che una parte è sprecata. Inoltre, quando non sei a casa e hai bisogno di accedere alla rete, stai continuando a pagare quella a casa. Il fatto di condividere il wifi non implica non usare password. Qualcuno poco tempo fa proponeva una password standard per la chiave WPA. Per esempio, GRATIS. La crittografia wpa impedisce a qualcuno di “vedere” il traffico che generate, se l’ospite sa la password accede tramite la vostra linea ma non “vede” (sniffa) il vostro traffico.

  • Il Professore

    LOL. La connessione internet è già condivisa oggi, sono solo i punti di accesso ad essere privati.

  • Loris8893

    A parte il fatto che prima di fare leggi per la condivisione ovunque del web bisognerebbe prima pensare a far raggiungere il web veloce a TUTTI visto che io in casa vado con una chiavetta TIM a 20KB in download che raggiunge i 100 a notte tarda e pago pure uno sproposito (40€ al mese per 400 ore) -.-

    Comunque se qui entro quest’estate mettono l’ADSL & fibra ottica come si dice da 4 anni sicuramente in qualsiasi caso la renderei libera mettendo delle limitazioni come hanno già detto alcuni cosi da assicurarmi una banda minima. Anche se pago io la connessione non vedo perchè non far usare la banda che mi avanza o ancora meglio quando non uso proprio la connessione a persone a cui può servire anche solo 2 minuti per guardare la propria posta.

    Il problema però è appunto la velocità….è logico che se poi non ne ho abbastanza per me non la dò agli altri -.-

    L’unica cosa che mi rende un pò incerto è il fatto di poter o no limitare gli accessi ai file dei miei dispositivi in casa = /

    Avendo un iMac, Macbook, Apple Tv, Stampante, Wii, 2 decoder Sky e lo stereo collegati tutti alla stessa Airport Express mi preoccupa per l’appunto la sicurezza della rete in se.

    Quindi secondo me in breve: SI va bene condividere ma con alcune limitazioni che non danneggino la mia personale fruizione del web e soprattuto se c’è una sicurezza che quel che ho collegato alla rete non si possa toccare ù_ù

  • karoo

    Lasciare libera una rete wifi che si utilizza privatamente è da folli.
    Ci sono persone che non praticano nemmeno l’home banking negli spot wi-fi pubblici … ed a ragione.
    Avere una WAN wireless cittadina libera e gratuita sarebbe bellissimo, ma non è una cosa che spetta ai singoli cittadini realizzare.
    Come scritto da qualcun’altro, fonera è un ottima risposta. Per altri c’è Ninux …

  • Matteo ?

    Io se ne avessi una non la condividerei!
    Anche perché un qualsiasi aker (nn so come si scrive ) potrebbe entrarti nel computer!
    Anche se spesso io non avendo il cellulare uso il credito Skype andando a scrocco in giro per la città.

  • karoo

    si scrive Hacker, ma loro non fanno queste cose. Quelli sono i Lamer o i Cracker (Anche se sembra uno snack ^_^)

  • La legge è per chi ha un locale e vuole offrire wifi gratuitamente.
    Per chi invece è un privato e magari vuole farlo pagare concordo pienamente con Henry riguardo la Fonera, vi permette di scegliere quanta banda condividere, avete 2 reti wifi differenti (privata e pubblica), e magari… Ci guadagnate anche qualcosa!