Dreamboard

Vi ricordate di tutti i sogni collezionati durante la notte? Probabilmente no, questo perché il sogno è considerato dagli scienziati un’attività che serve al cervello per scaricare le informazioni accumulate durante la giornata. In altre parole al cervello non serve ricordare l’attività onirica perché non ha nessun interesse nel farlo.

Potrebbe essere utile per voi registrare questa attività. Per farlo, naturalmente, dovrete segnare su un diario ciò che accade nei sogni quando vi risvegliate. Per questo tipo di operazione viene in soccorso l’applicazione Dreamboard. Un’app che fa uso di un’interfaccia in stile infografica.

L’app è stata disegnata in modo da registrare in meno di un minuto il sogno. Per tale scopo invita l’utente a inserire informazioni chiave, quali i soggetti del sogno, l’umore che si avvertiva durante il sogno, attribuire un colore all’attività onirica e raccontare velocemente che cosa è accaduto in un riquadro.

In questo modo l’applicazione riesce a raccogliere una serie di dati che utilizzerà per effettuare dei resoconti su quelli che possono essere i temi più ricorrenti, l’umore e il colore che di solito si sogna. Dreamboard pesa 8,9 MB e si scarica gratis dall’App Store.

Join the Conversation

4 Comments

  1. Francesco, Gino intervengo essendo un po’ di parte in quanto seguo la progettazione di questa app, non me ne vogliate.

    Per quanto sia una realtà di nicchia quella del tenere diari dei sogni o tenere traccia dei propri sogni importanti stiamo comunque parlando di qualcosa che è già oggi fatto da un 3-4% della popolazione nei paesi occidentali e che viene usato nella stragrande parte delle psicoterapie. Dreamboard alla fine supporta, semplifica e potenzia questa attività e già oggi abbiamo qualche migliaio di utenti attivi che 2-3 volte alla settimana tornano o nell’app o sul sito a tracciare i loro sogni 🙂

    1. mi affascina l’approccio olistico alla soluzione dei problemi, ma questo aspetto preferisco interpretarlo in maniera disincantata.

Leave a comment

Cosa ne pensi?