Siri si ricorda dei dialoghi per due anni

Jonathan Mann Siri

Avete presente quando parlate con Siri, l’assistente virtuale di Apple, e pronunciate tantissime parolacce giusto per sapere come risponde alle provocazioni? Stare molto attenti perché l’assistente potrebbe sapere bene cosa dite.

In base alle recenti informazioni del regolamento della privacy di Siri, infatti, si evince che Apple conserva i dati delle conversazioni per un periodo di due anni. Fortunatamente la raccolta dei dati avviene in forma anonima, quindi non è associato agli utenti.

L’azienda intende lavorare sulle conversazioni per migliorare il servizio e comprendere in che modo l’utente si approccia all’assistente digitale. Considerando che Siri è ancora in beta e non funziona perfettamente, forse l’approccio non è completamente sbagliato.

Gli avvocati degli studi americani, ad ogni modo, stanno valutando se attivare una class action per comprendere che tipi di dati vengono raccolti. Potrebbe capitare, per esempio, che siano collezionati contatti e appuntamenti.

[via wired]

  • Myricio

    Penso che comunque dal genere di domanda che poni tu possa essere facilmemte rintracciabile… ” Chiama mio padre ” -> chiamo ciccio patata…

  • Pingback: Un Siri più efficace()