Anche Penguin stringe accordi con la UE per il caso degli ebook

iBookstore scolastico

Quando Apple entrò all’interno del settore degli eBook strinse degli accordi con gli editori. L’obiettivo di base era riportare in auge il mercato che, all’epoca, era gestito essenzialmente da Amazon. Così le case editrici si accordarono per vendere i libri ad un prezzo superiore.

Un accordo, chiamato accordo di agenzia, che ha turbato il mercato portando l’intervento dell’Unione Europea. Negli ultimi mesi quattro delle cinque case editrici sotto inchiesta, vale a dire Hachette, HarperCollins, Simon & Schuster e Macmillan, hanno raggiunto un accordo con la Ue.

Oggi arriva la notizia che, dopo 16 mesi di investigazioni, anche la quinta casa editrice, cioè Penguin, ha raggiunto un accordo con l’Unione Europea. L’accordo, tra le altre cose, prevede la concessione per i negozi di libri di applicare il loro prezzo agli eBook per due anni.

[via slashgear]