Dispatch, un’app minimale per la posta elettronica che conversa con le altre app

Dispatch

A seguito dell’acquisto della startup Mailbox da parte di Dropbox, è aumentato l’interesse generale degli sviluppatori nei confronti della posta elettronica. Uno strumento ritenuto ormai destinato al pensionamento che sta trovando, grazie al settore delle applicazioni, una seconda vita.

Una delle ultime applicazioni disponibili all’interno dell’App Store è Dispatch. L’app è nata con l’obiettivo di semplificare moltissimo la gestione della posta elettronica. Utilizzando una grafica minimale permette l’uso di alcune gesture per gestire le e-mail.

Sarà possibile, per esempio, rispondere ad un messaggio inserendo il saluto iniziale e la firma finale automaticamente all’interno della risposta. È anche possibile richiamare parte del testo originario come citazione per scrivere i commenti sotto di esso, archiviare la posta letta e segnalare le e-mail di spam.

Uno dei pilastri portanti di quest’applicazione è la sua capacità di conversare con le altre app. In questo modo il testo presente all’interno del messaggio potrà essere condiviso in altre applicazioni per creare eventi di calendario, note e molto altro.

Bisogna considerare, però, che l’app non supporta le notifiche push, non supporta gli account con il protocollo POP, ne tanto meno le etichette e gli allegati.

Dispatch pesa 15,8 MB e si scarica per € 2,69 durante il periodo promozionale.

  • Rnhmjoj

    Come destinato al pensionamento?
    Il 100% dei servizi web si basa sull’email per l’autenticazione.

    • Il realtà negli ultimi tempi si stanno diffondendo le autenticazioni per SMS su smartphone

      • Rnhmjoj

        Beh, sono opinioni. Io non uso più gli SMS.

      • Eppure molti lo usano per l’autenticazione 😛