L’embargo iraniano ora fa passare i prodotti di Apple

Apple Iran

Come saprete l’Iran è coperto da un embargo applicato per la sua poca collaborazione con i paesi occidentali. Tralasciando i motivi dell’embargo, che vanno a scontrarsi con la ricerca sull’energia nucleare, bisogna considerare che molti prodotti occidentali non possono entrare nel paese. Tra questi prodotti c’erano anche quelli di Apple.

In realtà i dispositivi elettronici della società di Cupertino sono circolati per anni all’interno del paese mediante i rivenditori non ufficiali, tra questi una catena di negozi chiamata Apple Iran che non ha legami contrattuali con la società. Questa vendita sottobanco, però, potrà finire perché adesso l’azienda ha ricevuto il permesso di vendere i suoi prodotti in Iran.

L’obiettivo del governo Obama è quello di far diffondere i computer e i dispositivi mobili all’interno del paese al fine di permettere un’informazione più completa sullo stato della condizione politica iraniana. Resta curioso vedere questo tipo di provvedimento alla luce di una quasi imminente guerra in Siria. Che si tratti di una tattica per causare disordini in Iran e tenere occupato il paese?

Alcune info tratte da: wsj