Qualcomm Vuforia, la realtà aumentata che trasforma ciò che ci circonda

Qualcomm Vuforia

La realtà aumentata è sicuramente una tecnologia utile e dall’alto potenziale. Attraverso la fotocamera dello smartphone si possono aggiungere informazioni al mondo reale, quasi a svelare una realtà che è sempre esistita ma non è accessibile all’occhio umano.

Per funzionare questa tecnologia ha bisogno di sensori. Per esempio con il GPS è possibile localizzare le informazioni, con il magnetometro è possibile visualizzarle correttamente e così via. Allo stato attuale la realtà aumentata aggiunge informazioni a qualcosa che già c’è. A tal proposito Qualcomm ha trovato un approccio diverso: trasformare gli elementi reali, arrivando ad un nuovo tipo di realtà aumentata.

Questa tecnologia usa un nuovo tipo di sensore, chiamato PrimeSense Capri, che permette di vedere il mondo reale come un Kinect e trasformare gli elementi visualizzati. Nella demo mostrata da Qualcomm presso l’Uplinq[1] si nota la capacità di trasformare degli elementi, come un vaso e un cubo, in uno scenario per un videogame.

In questo modo è possibile sviluppare dei giochi che possono essere costruiti sugli elementi reali che compongono uno scenario. Il sensore PrimeSense Capri dovrebbe essere disponibile nel 2014. Considerando che Qualcomm è uno dei fornitori di Apple è probabile vederlo anche nei dispositivi mobili della società in futuro.


  1. Una conferenza dedicata agli sviluppatori e organizzata da Qualcomm a San Diego.  ↩