Il tesoro di Apple vale 146,76 miliardi di dollari

Lingotti d_oro

Come saprete negli ultimi mesi Carl Icahn, uno degli investitori di Apple, vorrebbe che la società effettuasse nel mercato un’operazione molto speculativa: l’acquisto di 150 miliardi di dollari in azioni proprie da acquistare con le riserve e ricorrendo al debito. Tralasciando questa operazione, quanto ammontano le riserve di Apple?

Nel documento 10-K si legge chiaramente questo dato e si evince che al 2013 la società ha 146,76 miliardi di dollari in cassa, nonostante abbia distribuito 10,5 miliardi di dollari agli azionisti, con una media di 3,05 $ ad azione in dividendi ogni trimestre. Oltre 100 miliardi di questi 146,76 miliardi sono all’estero e ciò accende l’annoso problema della tassazione richiesta dagli USA per riportarli in patria. Problema che vincola l’uso del denaro.

L’azienda ha visto crescere le riserve del 21%, in quanto nel 2012 ammontavano a 121,5 miliardi. Anche le proprietà immobiliari sono aumentate a 1,7 milioni di m2, di cui 427.000 m2 per i negozi e 241.000 m2 in proprietà nella sola città di Cupertino. L’azienda possiede anche 1428 ettari di terreni per un valore totale di 16,59 miliardi di dollari.

Attualmente la società vale in Borsa 477 miliardi di dollari. Le azioni totale circolanti sono oltre 1,8 miliardi, di cui 899,2 milioni in azioni ordinarie e 939,2 milioni in azioni vincolate.