Si dice che il progresso nel 21° secolo sia stato pari o superiore a quello di 20.000 anni. Siamo in un’epoca dove tutto è accelerato. Dove fino a 20 anni fa non godevamo delle prodezze di internet, non avevamo smartphone e tablet. Negli ultimi decenni questa accelerazione è stata così veloce da portarci a pensare che quello che abbiamo domani sarà già vecchio dopo domani.

Il cambiamento, come quello del progresso, è un fenomeno a cui non possiamo sottrarci. Dire “io non voglio imparare ad usare internet” è un lusso che non possiamo più concederci, perché a breve tutto passerà per internet, come passa l’elettricità per i cavi e l’acqua per i tubi. Un cambiamento che dobbiamo prevedere e utilizzare. Ne vale del nostro futuro.

Ma dove può portarci questo cambiamento? Quali sono i possibili scenari e come si sta spostando il Web? Sono domande a cui cerca di rispondere Rudy Bandiera nel suo libro “Rischi e opportunità del Web 3.0”. Un volume molto interessante, di facile lettura, in cui si raccontano i maggiori protagonisti del Web, le rivoluzioni apportate e i possibili scenari futuri.

Rudy, nel suo racconto, crea anche una sorta di unione di esperti per chiedere la loro idea sul futuro. Un’unione di cui ho avuto il piacere di fare parte. Nel volume, infatti, c’è anche un mio intervento in cui immagino il futuro di iOS e di Siri. Un racconto che ho realizzato ancora prima di iOS 8 e di HomeKit.

Rischi e opportunità del Web 3.0 è composto da 197 pagine ed è edito da WebBook. Lo si può comprare nelle librerie, oppure su Amazon dove è venduto per 15,30 € nella versione cartacea, per 9,99 € nella versione digitale o nell’iBookstore al medesimo prezzo.

Join the Conversation

1 Comment

  1. Molto interessante il tuo punto di vista. Anzi, bellissimo. Visionario, futuristico ma molto proiettivo. Immagino che gran parte delle cose che hai detto, diverranno realtà. Staremo a vedere. 🙂

Leave a comment

Cosa ne pensi?