Il Governo promette la fibra ottica a 100 Mbps entro il 2020

fibra otticaSe c’era una cosa che l’Italia doveva fare agli inizi del 2000, era sicuramente costruire una rete a fibra ottica in tutto il Paese. La privatizzazione dell’operatore telefonico nazionale e una legislazione più attenta alla TV, per ovvi motivi di chi governava all’epoca, ha fatto perdere una grande occasione al Paese.

Ad oggi abbiamo appena il 20% di copertura a 30 Mbps, contro una media europea del 62%. Abbiamo perso il treno, ma possiamo ancora raggiungerlo. Il Governo Renzi ha posto molta importanza alla cosa. Purtroppo non c’è stata l’istituzione di una società pubblica per la cablatura nazionale a fibra ottica, con l’affitto ai vari operatori nazionali, ma si è pensato ad un mix di forze pubbliche e private.

Nel testo del piano nazionale si legge che sul piatto sono finiti 6 miliardi di euro, tra fondi europei, nazionali e regionali. L’obiettivo è colmare il gap tecnologico entro i prossimi 5 anni, giungendo entro l’anno prossimo alla copertura del 60% della fibra ottica a 30 Mbps (to the cabinet), per poi arrivare al 100% entro il 2020.

Nello stesso anno il Governo ha stabilito che minimo il 50% degli italiani dovranno avere la fibra a 100 Mbps, con un obiettivo sperato dell’85% della popolazione. Nelle aree meno redditizie ci sarà l’intervento diretto dei fondi nazionali.

Infine ci sarà un catasto della fibra. Questo è molto importante: consentirà di non posare più fibre nella stessa area, ma di utilizzare quelle già presenti.

  • Fan di tecnologie

    sarebbe meglio entro il 2030

  • Peccato che però dal nodo più vicino fino a casa tua c’è il doppino per tutte quelle case/condomini che non sono di costruzione recente. Prendete il mio caso: vivo in un condominio a Milano che è del 1957 ho parlato con qualsiasi carrier telefonico. Portano la fibra fino al nodo più vicino e poi da li al condomino, al mio appartamento arriva solo il rame. Fastidio!

  • LeonardoM

    Il problema è da dove prendono i soldi per finanziare questo progetto.
    Come al solito continueranno a tagliare altri servizi, stipendi, ed aumentare le tasse.

    Da un governo di bugiardi bisognerebbe riguardarsi bene dal rivotarli. Eppure sono 30 anni che non cambia nulla.
    Paese di cerebrolesi.