In India registrato il primo caso di iPhone 6 esplosivo

iPhone 6 esploso

Sono passati molti anni dal fenomeno degli iPhone incendiari. Telefoni che improvvisamente prendevano fuoco. Il problema era una partita di batterie difettose, prodotte da Sony, che in alcuni casi si gonfiavano, fino a rompere il dispositivo o, peggio, prendere fuoco.

Negli ultimi anni abbiamo pensato che il fenomeno si fosse estinto, ma non è così. Per la legge dei grandi numeri a volte capita che qualche unità sia difettosa. Sempre essere stata difettosa l’unità di Kushan Yadav.

L’uomo, che vive a Guargaon, una città indiana, stava guidando e aveva il telefono vicino al volto. Improvvisamente si è sentito accaldato: il telefono si è riscaldato molto fino ad esplodere. La batteria, nel momento dell’autodistruzione, era a circa il 70% di carica.

L’iPhone 6 in questione è (oppure è meglio dire era) da 64 GB ed è stato acquistato due giorni prima dell’incidente. Il tutto è documentato da una denuncia effettuata alla polizia per ufficializzare l’episodio.

L’uomo ha consegnato l’iPhone al centro di riparazione di Apple, che ora lo studierà a fondo per comprendere cosa ha provocato l’esplosione.

Cosa ne pensi?