Apple si sbarazza finalmente del monitoraggio sull’iBooks Store

iBookstore

Mai scherzare con l’antitrust americana, si rischiano multe molto salate. Apple lo sa bene e ha imparato la lezione, soprattutto visto cosa ha pagato per il caso dell’iBooks Store.

Se ricordate la società, sotto Steve Jobs, realizzò un cartello per alzare i prezzi degli ebook e rompere il predominio di Amazon. Una strategia che va contro le regole del mercato. Per questo motivo la società centinaia di milioni di dollari in diverse class action, ma non solo.

Il tribunale voleva essere sicuro che la società non ci avesse provato di nuovo. Per questo motivo le affibbiò un avvocato da 1.265 dollari l’ora, pagato da Apple, per monitorare le strategie della società per l’iBooks Store.

Nonostante l’azienda abbia provato ad allontanarlo, Michael Bromwich ha fatturato diverse centinaia di migliaia di dollari, fino ad oggi. Il tribunale ha finalmente deciso che Apple non ha più bisogno del monitoraggio, quindi può continuare a vendere i suoi ebook in pace.

Ora la società rispolvererà il negozio di libri?