Tmouse, il mouse con la presa anti fatica

Tmouse

Il mouse è una delle periferiche più antiche nell’era dell’informatica. Fu inventato nel 1967 da Douglas Engelbart, poi usato da Xerox e, subito dopo, preso da Steve Jobs per il Lisa. In pratica il primo computer commerciale ad usare il mouse fu costruito da Apple.

Nel tempo la periferica è stata proposta in tanti modelli diversi. Il suo utilizzo, però, non è mai decaduto. Forse solo la tecnologia touchscreen ne sta mettendo in discussione l’utilità.

Chi lo utilizza per molte ore sa che si possono provare sensazioni di fatica e fastidio al polso. Per questo motivo una società sta provando a proporre la sua idea di mouse attento al confort. Il Tmouse, dichiarano i produttori, migliora la presa rendendo l’utilizzo più comodo.

I pulsanti rientrano per ridurre l’apertura della mano. In questo modo i tendini non devono allungarsi e contrarsi molto. Questo gioverebbe alla loro salute. Il Tmouse ha una batteria da 1.000 mAh e funziona senza fili.

Il progetto si finanzia su Kickstarter. Per 49 $ si riceverà un’unità a partire dal prossimo agosto.

Cosa ne pensi?