Google Home visto un po’ più vicino

Google Home

Entrare in casa e avere un maggiordomo virtuale in grado di aiutarci con alcune faccende. Fino a qualche decennio fa lo avevamo immaginato con delle fattezze umane, come nei cartoni dei Pronipoti, invece ad oggi sappiamo che l’assistente assomiglia di più a una sorta di lampada da scrivania.

Il Google Home è il diretto concorrente dell’Amazon Echo. La società di Mountain View ha integrato uno speaker e un microfono per gestire i comandi a distanza mediante la voce, di cui l’azienda ne studia le implementazioni già da diversi anni.

La base può essere cambiata con altre di altri colori, per renderlo più apprezzabile rispetto ai vari ambienti. In cima ci sono dei LED che riprendono i colori base di Google. Le dimensioni sono ridotte, per essere alzato con una mano. Per funzionare bisogna attaccarlo alla presa di corrente e abilitare il WiFi.

In base alle prime informazioni sappiamo che lo speaker è stato studiato anche per la musica, offrendo una qualità audio molto buona. Gli sviluppatori potranno anche integrare app e comandi per usufruire del dispositivo.

Al momento non si hanno altre informazioni. Per i dettagli dobbiamo attendere il lancio ufficiale, in questo modo potremo conoscere anche la disponibilità in Italia e il prezzo.