Go Duterte

Può un’applicazione spingere le persone a fare qualcosa di illegale? Questo è un cruccio che ritorna in auge periodicamente. Ricordo ancora le polemiche sul gioco Carmageddon, nel 1997, dove con un’auto bisognava investire il maggior numero di pedoni. Giocando a questo gioco qualcuno ha investito un pedone di proposito?

Sta di fatto che nelle Filippine la CSOs, un’organizzazione globale per i diritti civili, ha scritto una lettera aperta a Tim Cook. La lettera è stata firmata da 131 organizzazione dei diritti civili e per la lotta alle droghe. All’interno c’è una richiesta molto semplice.

La richiesta è di cancellare tutte le app nelle Filippine che inneggiano agli omicidi, la violenza, la guerra e le droghe. Nella regione ci sono stati oltre 13.000 omicidi e le app potrebbe esaltare alcune persone fino a convincerle ad uccidere con maggior frequenza. Almeno così dichiara l’accusa.

Ciò è inaccettabile, siamo delusi e offesi per dover testimoniare un disgustoso tentativo di normalizzare gli omicidi di massa e l'impunità con i giochi virtuali disponibili nell'App Store. Se Apple promuove veramente i valori umani come sostengono, risponderanno immediatamente alla nostra chiamata e rimuoveremo immediatamente queste applicazioni perché queste applicazioni violano anche le loro linee guida per la revisione di App Store.

Si legge nel comunicato. In passato Apple aveva preso precauzioni con alcune emoji. La pistola divenne una pistola ad acqua e cancellò l’emoji del fucile. Ma sul serio iniziative come queste riducono la violenza?

Unisciti alla conversazione

4 Comments

  1. Però se mi tolgono la possibilità di sterminare i rompiballe nei giochi a colpi di mitraglia, poi mi verrebbe la voglia di farlo nella realtà, perché in qualche modo devo pure sfogarmi.
    Meglio nei videogiochi, dunque.

    1. Diciamo che non dovresti aver voglia di “sterminare” nessun “rompiballe” a colpi di mitraglia a prescindere… è questo il problema

Leave a comment

Cosa ne pensi?