Apple è leader nella classifica delle aziende che non usano minerali da zone di guerra

Classifica conflict free

Ci sono molti azzardi morali che le aziende potrebbero fare, spesso di nascosto, per risparmiare denaro. Per esempio potrebbero usare manodopera minorile, usare materiali pericolosi e scadenti, alimentare le fabbriche con risorse fossili e così via.

Uno di questi azzardi è l’utilizzo dei minerali rari, da usare per la costruzione dei prodotti, ricavati da zone del mondo dove ci sono dei conflitti. Questo è pericoloso perchè spesso il denaro ricavato dalla vendita dei minerali, oltre a non offrire nessuna tutela a chi li estrae, serve ad acquistare armi e alimentare il conflitto ancora di più.

Apple promette da tempo di non acquistare i materiali necessari per i suoi prodotti nelle zone calde. Ma è così? La classifica pubblicata da Enough dimostra che è vero. Apple è prima tra le aziende che non usano materiali ricavati dalle zone di conflitto.

La società ha totalizzato 122 punti. Un punteggio alto indica un maggiore sforzo nell’evitare di fare affari con governi criminali. Al secondo posto abbiamo Google, seguita da HP. Tra le aziende meno virtuose figurano Walmart, Costco, Toshiba e Samsung.

Cosa ne pensi?