L’Unione Europea multa Qualcomm per 997 milioni di euro

Qualcomm

A quanto pare non è il momento felice di Qualcomm. La nota azienda di produzione di chip, che ha fatturato circa 22 miliardi di dollari nel 2017, potrebbe pagare molto nei prossimi anni.

Dopo aver ricevuto una multa da 650 milioni di € a Taiwan, per abuso di posizione dominante, se ne aggiunge un’altra da 997 milioni di €. Questa volta ci pensa l’Europa. Il commissario Margrethe Vestager ha individuato una distorsione del mercato con pratiche non consentite.

Nello specifico Qualcomm avrebbe pagato i suoi clienti per convincerli a non usare i chip dei concorrenti, al fine di ridurre la loro capacità di crescere e diventare pericolosi. Secondo l’accusa negli ultimi 5 anni Qualcomm avrebbe pagato miliardi di dollari a società come Apple, per convincerla a non acquistare altrove.

Lo schema veniva applicato in questo modo: i chip LTE venivano venduti normalmente, ma il secondo anno si riceveva un forte sconto se non si passava a chip concorrenti. Questo legava le aziende ai chip LTE di Qualcomm per anni, rendendo impossibile ad altre aziende di scardinare la sua leadership.

Ad ogni modo Apple ha fatto causa a Qualcomm per una cifra simile. Alla base della causa c’è l’imposizione di royalties troppo elevate. In base alle informazioni attuali, sappiamo che la società vuole abbandonare il fornitore, per usare solo i chip di Intel.

Qualcomm ha già annunciato di fare appello.

Cosa ne pensi?