Bloomberg: quest’anno in arrivo tre nuovi Mac con il coprocessore di Apple

chip_Apple

Ma ad Apple non converrebbe aprire una fabbrica di processori e sganciarsi definitivamente dai partner, come Intel e Qualcomm? In fondo la società ne usa oltre 300 milioni ogni anno, per un fatturato di quasi 39 miliardi di dollari.

In realtà alla base ci sono difficoltà di brevetti e capacità produttiva. Produrre all’interno rende la struttura sempre molto rigida. Per questo motivo la società preferisce progettare i chip e farli costruire materialmente agli altri.

Nei dispositivi mobili questo avviene da tempo con chip come l’A11 Bionic, il coprocessore M11, la GPU, i chip S3 degli Apple Watch e i W1 degli AirPods. Di recente anche i Mac hanno ricevuto dei coprocessori realizzati da Apple, come il T1 nei MacBook Pro e i T2 nei recenti iMac Pro. Si tratta di elementi destinati alla sicurezza e alla gestione dell’energia.

Bloomberg, in base alle sue fonti, dichiara che questo processo non si fermerà. Quest’anno sono previsti almeno altri tre Mac provvisti di un coprocessore progettato da Apple. Ad occhio possiamo immaginare che si tratti dei MacBook, dei Mac Pro e degli iMac.

Si arriverà prima o poi a un computer con processore realizzato completamente da Apple?