HomePod ha richiesto 6 anni di lavoro

HomePod

Domani sarà il giorno dell’HomePod. Il nuovo speaker intelligente di Apple, che integra 7 altoparlanti, sarà in vendita negli Stati Uniti, Australia e Gran Bretagna. Secondo le prime stime, Apple ha fatto preparare 1 milione di unità per le prime vendite.

I media che lo hanno provato in anteprima assicurano che la qualità audio è molto alta, tanto da equiparare gli speaker di fascia alta come Bose e Sonos. Siri, invece, non sarebbe abbastanza intelligente da figurare come assistente virtuale da salotto.

Intanto arrivano delle informazioni interessanti. Kate Bergeron, vice presidente degli ingegneri dell’hardware, ha fatto sapere che il progetto è iniziato ben 6 anni fa. La società ha costruito un team speciale e altamente focalizzato per la realizzazione di uno speaker intelligente.

Gary Geaves, direttore senior dell’audio design, ha dichiarato che questo team è stato costruito prendendo esperti di settore da aziende di audio di fascia alta ed esperti accademici. Apple ha anche costruito una camera anecoica speciale per testare gli speaker e i microfoni del dispositivo.

L’HomePod è nato ponendo a noi stessi una domanda: cosa intendiamo se decidiamo di realizzare uno speaker sonoro che potremmo usare in qualsiasi stanza, e questa stanza non fosse soggetta a nessun tipo di distorsione qualitativa?

Ha dichiarato Bergeron.

Siamo andati fuori le stanze di centinaia di dipendenti e realizzato migliaia di misurazioni acustiche.

Ha aggiunto Geaves. Indicando il grande lavoro per la realizzazione dell’auto impostazione audio in base al punto di posizione dello speaker nella stanza.

HomePod sarà in vendita per 349 $. La versione attuale del firmware non consente l’accoppiamento di più elementi per l’audio stereo o in filodiffusione. Al momento nessuna notizia per la vendita in Italia.

HomePod

Cosa ne pensi?