Un intoppo per la serie Amazing Stories e intanto ne arriva un’altra sugli immigrati

Amazing Stories

Apple e il settore del gossip cinematografico saranno sempre più vicine. La società di Cupertino, infatti, quest’anno investirà almeno 1 miliardo di dollari per i telefilm in streaming su Apple Music. Budget destinato a crescere nei prossimi anni.

Tra queste notizie di gossip ce ne sono alcune riguardanti le serie in lavorazione. Per esempio sappiamo che la società sta lavorando al ritorno di Amazing Stories. Questa serie, in onda fino al 1987 sul canale NBC, fu curata da Steven Spielberg. La società ne ha ordinato 10 episodi, per un costo di 5 milioni di dollari.

Il problema è che Bryan Fuller, lo showrunner della serie, ha deciso di abbandonare il progetto per divergenze artistiche. A quanto pare ci sarebbe stato un litigio con Hart Hanson, produttore esecutivo della serie. Al momento non sappiamo se questo causerà uno slittamento dello show, oppure se la società risolverà in tempi brevi.

Intanto arriva la notizia di una sorta di risposta al ban dei dreamer americani voluto da Trump. I figli degli immigrati, nati e vissuti negli Stati Uniti, potrebbero essere mandati via dal paese. Per questo motivo la società ha deciso di creare una serie per gli immigrati.

Destinata ad essere una commedia, la serie ha tra gli attori Kumail Nanjiani, che abbiamo visto nel telefilm Silicon Valley. Con lui la sceneggiatrice Emily V. Gordon che è sua compagna di vita.

Little America, come dovrebbe chiamarsi, è trattata da una serie di storie vere raccolte da Epic Magazine e che racconta le vicende degli immigrati negli Stati Uniti.