L’HomePod smontato da iFixIt e scopre che non si può riparare

HomePod smontato

Come da tradizione, il nuovo HomePod di Apple non poteva sfuggire dalle sagge mani del team di iFixIt. Il team di riparatori ha comprato lo speaker intelligente per scoprire quanto sia complicato ripararlo in caso di problemi.

Qualche giorno fa abbiamo letto degli alti costi di riparazione fuori garanzia. Oggi scopriamo i motivi. In pratica è impossibile riparare l’HomePod senza evitare di distruggere la sua scocca. Per questo motivo, in caso di elementi rotti, è consigliabile cambiare tutta l’unità.

iFixIt, infatti, ha notato un uso elevato di collante interno. La cosa positiva, dichiara il team, è che tutta la struttura è stata realizzata per durare. L’HomePod è stato definito come un piccolo “carro armato”, perché dovrebbe resistere a cadute e scossoni.

All’interno è stato notato il chip A8 di Apple, 1 GB di memoria RAM e 16 GB di memoria NAND fabbricata da Toshiba. Quest’ultima probabilmente serve per la memoria tampone dei brani, per archiviare il sistema operativo e forse, in futuro, per installare app di terzi.

In totale da un voto da 1 a 10, dove 10 è il massimo della semplicità, iFixIt ha dato voto 1: quindi riparare l’HomePod è molto difficile, se non impossibile.

Cosa ne pensi?