Anche l’Italia vuole le auto a guida autonoma

guida autonoma

Mettersi in auto, inserire la destinazione e fare altro. È una situazione che potrebbe diventare quotidianità tra qualche anno, consentendo ad alcuni automobilisti di continuare a dare ciò che fanno adesso: stare sullo smartphone, ma con il vantaggio di non arrecare danno agli altri.

In California la legge che permette di farlo c’è già, tant’è vero che Apple possiede i permessi necessari per sperimentare il sistema. In Italia non è ancora possibile usare le auto senza autista. Ma presto le cose cambieranno.

È entrato in vigore, infatti, la legge 205 del 27 dicembre del 2017. Al comma 72 di questa legge, che prevede il bilancio dello stato per il 2018-2020, si legge:

Al fine di sostenere la diffusione delle buone pratiche tecnologiche nel processo di trasformazione digitale della rete stradale nazionale (Smart Road) nonchè allo scopo di promuovere lo sviluppo, la realizzazione in via prototipale, la sperimentazione e la validazione di soluzioni applicative dinamicamente aggiornate alle specifiche funzionali, di valutare e aggiornare dinamicamente le specifiche funzionali per le Smart Road e di facilitare un'equa possibilità di accesso del mondo produttivo ed economico alla sperimentazione, è autorizzata la sperimentazione su strada delle soluzioni di Smart Road e di guida connessa e automatica. A tale fine, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sentito il Ministro dell'interno, sono definiti le modalità attuative e gli strumenti operativi della sperimentazione. Per le finalità di cui al presente comma è autorizzata la spesa di un milione di euro per ciascuno degli anni 2018 e 2019.

In pratica gli enti che vorranno sperimentare, come le case automobilistiche, potranno chiedere un permesso speciale. Nello stesso tempo il Governo ha dato ordine al gestore delle Autostrade di implementare la struttura della Smart Road, che prevede di potenziare il WiFi su tutta la rete, migliorare i segnali e così via.

Il primo step dovrebbe iniziare quest’anno con un investimento di 100 milioni di euro, per un tratto di 436 km che vanno da Fisciano (Salerno) fino a Villa San Giovanni (Reggio Calabria). Entro il 2025 tutta la rete dovrebbe essere pronta, per un allargamento entro il 2030.

Tra 12 anni, quindi, muoversi con le auto a guida autonoma sarà all’ordine del giorno.

Cosa ne pensi?