Ecco GrayKey, la scatola che prova a scardinare gli iPhone

GrayKey

Qualche tempo fa vi parlai della società Grayshift. Tra i suoi fondatori ha un ex ingegnere di Apple addetto alla sicurezza. L’azienda sarebbe in grado di sbloccare qualsiasi iPhone mediante un attacco di brute force ben congegnato, pagando 15.000 $.

In pratica un sistema prova a sbloccare il dispositivo fino a quando non trova la password giusta. Qualcuno ha messo in dubbio che il sistema funzioni sul serio, anche perchè nel sito della società ci sono pochissime informazioni.

A tal proposito Grayshift ha fornito la foto della macchina che hanno costruito. Si chiama GrayKey e la foto l’ha pubblicata il sito anti malware Malwarebytes che ne spiega il funzionamento.

La scatoletta vede due uscite Lightning. Una volta collegato il telefono viene installato un apposito software realizzato da Grayshift. Questi prova a trovare le password scavalcando i limiti temporali di iOS. Il bug sfruttato dall’azienda sarebbe proprio qui: la possibilità di non ricevere blocchi nel numero delle prove.

La società dichiara che servono qualche ora per trovare un codice da 4 cifre e alcuni giorni per una password numerica da 6 cifre. Il problema sorge con le password alfa-numeriche, perchè le prove da effettuare sono moltissime.

Al momento non sappiamo se il bug sarà risolto a breve. Di sicuro gli esperti di Apple saranno al lavoro.

GrayKey codice iPhone

Cosa ne pensi?