Telegram ha dei guai in Russia, ma ne paghiamo le conseguenze anche noi

Telegram X

Telegram è un servizio di messaggistica nettamente superiore a WhatsApp. Oltre alle tantissime funzioni in più, è un progetto open source. Il suo sistema di cifratura funziona molto bene e questo spaventa alcuni governi. I malviventi, truffatori e terroristi possono usare Telegram senza temere molte interferenze, ma possono usarlo anche le brave persone che semplicemente non vogliono farsi leggere dalle autorità.

Questa cosa non piace alla Russia e tempo fa chiese a Pavel Durov, CEO di Telegram, di fornire la chiave di cifratura per consentire alle autorità di leggere il contenuto dei messaggi. Pavel rifiutò questa imposizione e di risposta ha ottenuto l’obbligo di fermare il servizio in Russia.

Il governo del Cremlino ha anche ordinato ad Apple di cancellare l’app dall’App Store. Il problema è che questa richiesta ha causato dei problemi al resto del mondo. La società di Cupertino, infatti, non consente a Telegram di aggiornare l’app.

L’app è praticamente congelata. Ci sono alcuni bug che sono sorti con l’introduzione di iOS 11.4. La società è impossibilitata nel distribuire un aggiornamento in grado di correggerli. Speriamo che la situazione si risolva il prima possibile.

Cosa ne pensi?