macOS 10.14 Mojave, tutte le novità e il nuovo Mac App Store

macOS Mojave

Si chiama Mojave l’ultima versione di macOS 10.14. Come il deserto della California. È questo il nome scelto da Apple per indicare il sistema operativo per Mac: probabilmente la novità principale di questo WWDC 2018. Ma vediamo le novità.

Dark Mode

Una funzione molto richiesta, che attualmente non ci risulta essere in iOS, è il tema scuro. Chi non ama i colori chiari potrà attivarlo nelle impostazioni e avere tutte le app native scure. La società ha anche preparato delle API per rendere le app scure automaticamente quando l’utente attiva questa funzione.

Finder

App ha integrato la funzione Stacks sulla scrivania. Questo consente di raccogliere tutti i documenti sul desktop per categorie. Diventano una sorta di cartella automatica. Ogni qual volta si posta un file sul desktop, questi finisce direttamente nella categoria automatica. In questo modo sarà possibile fare ordine.

C’è l’integrazione di una galleria per le foto. Un elemento di Windows che gli utenti Mac chiedevano da tempo. In questo modo le cartelle con tante foto non richiederà di aprirle una ad una.

Potenziato anche Anteprima. Questi mostra i metadati del file e permette di attivare azioni rapide, come firmare i documenti con Quick Look (si attiva premendo la barra spaziatrice dopo aver selezionato un file).

Nel Finder sarà possibile anche attivare azioni di Automator, unire PDF, proteggerli con una password, ritagliare immagini, scrivere note, tagliere delle clip audio o video al volo e molto altro. Tutto questo senza aprire necessariamente le app preposte.

FaceTime

Nuove app di sistema

Apple ha integrato nuove app di sistema, come News, Memo vocali, Borsa e Casa. App che avevamo in iOS e che adesso si possono gestire direttamente dal Mac. L’app Casa, per esempio, consentirà di gestire la domotica dal Mac e usare Siri per gestire la casa.

FaceTime

Come è accaduto in iOS 12, anche nella versione per Mac di FaceTime sarà possibile gestire le videochiamate di gruppo. Queste possono essere effettuate fino ad un massimo di 32 persone.

Sicurezza

La società ha attivato il sistema Intelligent Tracking Prevention. Questi permetterà di salvaguardare i dati degli utenti. Per esempio in Safari non sarà tracciato il “Mi piace” e il “Condividi” se l’utente non avrà dato un’autorizzazione specifica.

Un sistema di cifratura per videocamera e microfono proteggeranno gli utenti dagli hacker. Bisognerà dare una specifica autorizzazione per attivare questi componenti ogni volta.

Mac App Store

Apple ha ridisegnato completamente il negozio di applicazioni per Mac. Questi, presentato nel 2011, ora permette di creare schede per le app con maggiori informazioni, integrare video, inserire contenuti editoriali e molto altro.

Nuove schede, come Discover, Create, Work, Play e Develop, permettono di scoprire nuove app. La società ha stretto accordi anche con molte aziende, per portare le loro app nel suo negozio. Arriveranno, per esempio, Office 365 e Lightroom CC.

La società ha offerto come sneek peek una piccola novità di cui sapremo di più il prossimo anno. In pratica la società sta lavorando ad un sistema, il famoso progetto Marzipan, per integrare parti di iOS in macOS e viceversa. Le app per i due sistemi operativi potranno scambiare informazioni e parti di codice, per poter usufruire al pieno delle potenzialità del dispositivo utilizzato.

Mac App Store

Altre novità

La società ha integrato anche altre novità passate in secondo piano. Tra queste abbiamo:

  • Una gestione migliore degli screenshot, con strumenti per tagliarli e modificarli al volo.
  • Continuity Camera per usare un iPhone nelle vicinanze per fare foto o video. I contenuti vengono integrati nell’app per Mac.
  • Strumenti di modifica integrati nel Finder.
  • Sfondo che cambia durante l’ora del giorno.

macOS Mojave sarà disponibile a settembre. Gli sviluppatori hanno accesso alla versione beta, mentre la beta pubblica è prevista per la fine di questo mese. La compatibilità è prevista per i Mac dal 2012 ad oggi. Sono compatibili anche i Mac Pro del 2010.

Cosa ne pensi?