Recensione dell’hub Gikersy per MacBook

Ingresso porte

Uno dei problemi riscontrati da subito con il lancio dei MacBook fu la presenza di una sola porta. Per difendere lo spessore minimale, il peso sotto 1 KG, l’assenza di ventole e altre migliorie, Apple decise di utilizzare una singola porta USB-C sia per ricaricare il computer che per collegare accessori.

Il risultato è una crescente difficoltà di collegare elementi quando dobbiamo usare più cose contemporaneamente. Per questo motivo è buona cosa inserire in borsa un hub con degli ingressi aggiuntivi.

L’accessorio di Gikersy è ideale per chi ha bisogno di poche cose, vuole un buon design e non vuole spendere molto. Spedito di una confezione di cartone rigido, che fa bella figura anche in caso di regalo, l’hub si inserisce nella porta USB-C del computer e fornisce di rimando:

  • Un’altra porta USB-C che rimette a disposizione quella occupata dall’accessorio (utile per esempio per ricaricare il computer).
  • Una porta HDMI per collegare schermi e proiettori fino alla risoluzione di 4K.
  • Due porte USB-A 3.0 che consentono il passaggio di dati fino a 640 Mbps.

L’hub in questione misura 8,9 x 3,3 x 1 centimetro e pesa 41 grammi. Le dimensioni sono molto contenute, quindi può essere trasportato facilmente. Il materiale della scocca è alluminio che lo rende resistente e leggero. Non presenta un astuccio per il trasporto.

Il dispositivo supporta la modalità DEX. Questa è utile per quegli smartphone che hanno un ingresso USB-C. Collegandolo al telefono, quindi, sarà possibile aggiungere per esempio un mouse e una tastiera mediante la porta USB-A per gestire il telefono con questi accessori. Sistema che non è presente nei prodotti Apple.

Avendo una singola porta di ingresso USB-A può essere usato sia con i MacBook che con i MacBook Pro. L’unico elemento negativo è che le dimensioni non coincidono perfettamente con il profilo sottile del MacBook.

Il prezzo è decisamente basso considerando altri hub simili in commercio. Lo si può comprare su Amazon per 29,99 euro.

Cosa ne pensi?