Apple Pay: una ricerca dichiara che sarà lo strumento più usato per i pagamenti mobile

Apple Pay

Ci sono alcuni settori dove Apple tenta di raggiungere la leadership, come quello degli speaker intelligenti, ma dove non riesce molto. Altri dove invece ingrana la marcia giusta e riesce ad affermarsi a livello mondiale. Uno di questi settori dove sta lavorando molto bene è quello dei pagamenti elettronici.

Apple Pay, che tra l’altro è disponibile anche in Italia, è un sistema di grande successo. La società sta colonizzando varie nazioni, con grande interesse da parte degli utenti. Personalmente lo utilizzo ormai quotidianamente con l’Apple Watch.

Secondo un recente studio della Jupiner Research, questa leadership è destinata ad essere confermata nel tempo. La loro proiezione è stata fatta a 5 anni, con il raggiungimento dei 2 trilioni di dollari di transazioni entro il 2020.

Attualmente siamo a circa 1 trilione di $ di transazioni effettuate da dispositivi mobili, con una crescita molto veloce in Europa, Cina ed estremo oriente.

Secondo la ricerca entro il 2020 ci saranno 450 milioni di portafogli virtuali operativi quotidianamente. Apple dovrebbe gestire addirittura la metà di questi, con il resto diviso tra i vari concorrenti, come Samsung Pay e Google Pay.

Attualmente Apple Pay è disponibile in Polonia, Stati Uniti, Australia, Brasile, Canada, Cina, Giappone, Russia, Gran Bretagna, Italia, Singapore, Svizzera, Francia, Hong Kong, Russia, Nuova Zelanda, Spagna, Irlanda, Taiwan, Danimarca, Emirati Arabi, Finlandia, Svezia e Ucraina.

2 Comments

  1. Kiro, Apple Pay non è disponibile anche in Italia? Se si, ti sei dimenticato di aggiungerla nella lista

Cosa ne pensi?