I prossimi prodotti Apple potrebbero costare di più per colpa di Trump

Tim Cook Trump

È in corso una guerra mondiale signori miei. Ma non viene affrontata con armi e bombe, bensì con i dazi doganali. In vero e autentico spirito imperialista, Trump sta cercando di portare ricchezza negli Stati Uniti con un metodo abbastanza elementare: produrre più dall’interno e importare di meno.

Questo obiettivo si raggiunge applicando dei dazi all’entrata, in modo da far diventare i beni esteri più costosi. Il problema è che le conseguenze potremmo pagarle anche noi. Trump, infatti, ha scritto una lettera all’U.S. Trade Representative per applicare dazi maggiori ad alcuni prodotti fabbricati in Cina.

Come saprete i prodotti di Apple sono disegnati, ingegnerizzati e pensati negli Stati Uniti, ma materialmente sono assemblati in Cina. Quindi anche i prodotti di Apple, essendo fabbricati in Cina, dovrebbero essere colpiti dai dazi. Se ciò dovesse accadere il loro prezzo sarà destinato ad aumentare.

Teoricamente la misura dovrebbe riguardare solo gli Stati Uniti, ma non sappiamo se per via di giri doganali alla fine della fiera anche noi ne pagheremo le conseguenze. La società si sta impegnando per finire fuori la lista dei prodotti soggetti ai dazi.

Cosa ne pensi?