Apple ora usa il trust score per evitare le frodi

Trust Score

Un sistema simile è usato dalle banche da alcuni anni. Rilevano in che modo utilizzate il conto on line e se si accorgono che l’uso è completamente diverso, scatta qualche allarme, fino a richiedere di nuovo le password o codici da ricevere via SMS.

Apple ha deciso di usare un sistema simile in iOS. Si chiama trust score ed è un valore che indica se siete proprio voi a fare quelle operazioni e non altri. Per esempio durante un acquisto nell’App Store, se il trust score è basso l’acquisto perde di velocità, richiedendo di confermare alcuni dati.

Ma come funziona? Come spiega una nota della società, che trovate nel rinnovo delle condizioni dell’iTunes Store, la società controlla l’uso del dispositivo generando un valore. Questo valore è frutto di monitoraggi, come le chiamate a determinati numeri o lo scambio di email con determinati contatti.

Se chiamate sempre i genitori questo genera un punteggio. Se i malintenzionati vi entrano nell’account e chiamano numeri strani, il trust score cala fino a non consentire delle operazioni.

La società ci tiene a far sapere che non c’è traccia di scambio di email e telefonate nei suoi server. L’iPhone genera solo il valore e questi viene usato dalla società, ma non vi è modo di partire dal valore e arrivare ai dati che li hanno generati.

Il trust score, oltre in iOS, è attivo anche in watchOS 5 e tvOS 5.

Cosa ne pensi?