Apple spiega perchè alcuni iPad Pro si piegano

iPad Pro piega

Non solo un calo delle vendite degli iPhone, Apple potrebbe scontrarsi anche con un calo di vendite degli iPad. La società di Cupertino ha costruito il nuovo modello Pro ed è potentissimo e bello. Peccato che qualche unità tenda a piegarsi. Addirittura degli utenti dichiarano di aver ricevuto un’unità già piegata.

Qualcuno potrebbe desistere dal comprare il nuovo tablet, per rimandare la spesa al prossimo anno. A tal proposito Apple ha deciso di fare chiarezza. La società di Cupertino ha pubblicato un documento in cui spiega come può generare il fenomeno:

I modelli Pad Pro Cellular ora dispongono di LTE di classe Gigabit, con il supporto a più frequenze rispetto a qualsiasi altro tablet. Per fornire prestazioni cellulari ottimali, piccole bande verticali o “interruzioni” nei lati dell’iPad consentono alle parti della scocca di funzionare come antenne cellulari. Per la prima volta in assoluto su un iPad, queste bande sono prodotte utilizzando un processo chiamato co-stampaggio. In questo processo ad alta temperatura, la plastica viene iniettata in canali precisamente fresati nella custodia in alluminio dove si lega ai micropori nella superficie di alluminio. Dopo il raffreddamento della plastica, l’intera custodia è rifinita con una lavorazione CNC di precisione, ottenendo una perfetta integrazione di plastica e alluminio in un unico involucro resistente.

Queste tecniche di produzione di precisione e un rigoroso processo di ispezione assicurano che questi nuovi modelli di iPad Pro soddisfino le specifiche con maggior rigore rispetto alle generazioni precedenti. Questa specifica non consentono più di 400 micron di deviazione della lunghezza da qualsiasi lato – inferiore allo spessore di quattro fogli di carta. I nuovi bordi dritti e la presenza delle fessure dell’antenna possono rendere le differenze di spessore più visibili solo da determinati angoli di visione che sono impercettibili durante il normale utilizzo. Queste piccole variazioni non influiscono sulla resistenza della scocca o sulla funzione del prodotto e non cambieranno nel tempo attraverso l’uso normale.

In pratica la nuova tecnica di fusione di plastica e alluminio può creare una differenza di spessore in grado di generare l’effetto piega.

Considerando come Jerry ha piegato l’iPad Pro con due dita, però, la spiegazione di Apple non risolve per nulla il problema di resistenza. L’iPad Pro resta un tablet molto delicato.

Cosa ne pensi?