Lucy Li nei guai per lo spot con l’Apple Watch

Qualche giorno fa vi parlai di Lucy Li. Questa giovane ragazza americana è tra le migliori promesse nel settore del golf. Ad appena 16 anni si è già qualificata per l’US Women’s Amateur e l’US Women’s Open. Si tratta di competizioni per il settore amatoriale.

Ed è proprio questo il motivo per il quale Lucy Li si è cacciata nei guai. La USGA (United States Golf Association) non permette ad una golfista amatoriale di diventare testimonial di un brand e un’azienda. Per accedere a questo privilegio bisogna diventare dei professionisti.

La madre di Li ha già fatto sapere di non aver accettato i soldi di Apple per lo spot. Ma il ritorno di immagine per la giovane golfista potrebbe essere interpretato come una moneta barattata per prestare il volto allo spot.

La USGA dovrà espellere Lucy Li frenandone la carriera? Forse a volte meglio concentrarsi su di essa anziché correre all’accoglienza degli sponsor.

Cosa ne pensi?