Come vedere se in una zona c’è la fibra ottica diretta con Open Fiber

Open Fiber

Nel 2015, l’allora governo Renzi, si rese conto che per allargare la presenza di fibra ottica in Italia ci sarebbe stato bisogno di un consorzio che unisse più operatori per realizzare una rete unica.

Ci fu una gara ed ENEL fu incaricata di dare vita all’azienda Open Fiber. All’interno ci sono gli investimenti di varie aziende e gli incentivi statali per portare la fibra direttamente negli appartamenti, anche in quelle zone dove non c’è interesse commerciale degli operatori.

Ad oggi vi fanno parte aziende come Fastweb, Tre, Wind, Vodafone, Sky e altri. L’obiettivo è coprire tutte le case italiane, o almeno la maggior parte, entro la fine del 2020. Ma come facciamo a sapere se un’area è coperta o meno?

Open Fiber ha pubblicato uno strumento dove basta indicare città, indirizzo e numero civico per scoprire se una zona è coperta da banda larga (fino a 20 Mbps), mista (fino a 200 Mbps) o ultra larga (fino a 1 Gbps).

Se la zona non è coperta dalla banda ultra larga si può lasciare un’email per essere avvisati quando questa sarà disponibile. L’azienda mira a portare la fibra FTTH direttamente nelle case.

Cosa ne pensi?