Microsoft presenta le Hololens 2

Microsoft Hololens 2
Microsoft Hololens 2

Era il 2015 quando Microsoft presentò le Hololens: il caschetto con delle lenti speciali per gestire la realtà aumentata. L’obiettivo è mostrare un mondo virtuale in un mondo reale, mediante degli ologrammi accessibili da chi indossa il casco.

A distanza di 4 anni la società ha sviluppato la seconda generazione e adesso abbiamo le HoloLens 2. Ci sono tanti cambiamenti rispetto la versione precedente. Adesso non si utilizza una proiezione su uno schermo interno, ma un flusso laser che consente di aumentare la risoluzione fino a 2K. L’area di proiezione ora è raddoppiata.

Provai le Hololens nel corso del lancio di Widiba Dialog: lo strumento di consulenza di Widiba che usa appunto la realtà aumentata. In effetti all’epoca notai che l’area di proiezione era molto più ridotta di ciò che mi aspettavo di vedere.

Di base abbiamo un processore Snapdragon 850, il WiFi, il bluetooth 5.0 e la porta USB-C. C’è anche un nuovo sistema di rilevazione dell’iride che consente di aggiustare la distanza e il focus dell’immagine automaticamente, contro la rotella usata in precedenza per spostare le lenti.

La tecnologia ToF, inoltre, consente di muovere gli oggetti con le mani, mediante un sensore che rileva il movimento. Questo consentirà di spostare elementi nell’ambiente intorno a se senza dover focalizzarsi su un punto per attivare il puntatore, come in precedenza.

Visto il prezzo, 3.500 $, Microsoft ha deciso di puntare sul mondo delle aziende. L’obiettivo è fornire uno strumento in grado di fornire informazioni mentre si lavora a qualcosa. Al momento l’Italia non è tra i paesi del primo turno di vendite.

Cosa ne pensi?