Apple dichiara che un suo ingegnere ha lavorato ad un brevetto di Qualcomm, ma lui smentisce

Qualcomm

Come ormai sapete tra Apple e Qualcomm c’è un’aspra guerra reciproca tra brevetti e cause legali. Ci sono in campo miliardi di dollari in royalties, eserciti di avvocati e ban di prodotti in diverse nazioni. Una guerra che non tende a fermarsi, tra colpi di scena e carte bollate.

L’ultimo colpo di scena, come racconta CNET, è avvenuto qualche giorno fa. Uno dei brevetti per i quali Qualcomm chiede che Apple versi le royalties non pagate, riguarda il sistema che consente al dispositivo di collegarsi velocemente alla rete dopo il riavvio.

Apple ha cercato di impugnare quel brevetto dichiarando che un suo ingegnere, Arjuna Siva, ha lavorato al brevetto insieme al team di Qualcomm, quindi il brevetto è anche suo. In realtà Siva, che nel frattempo è andato a lavorare da Google, ha dichiarato di non aver mai lavorato al brevetto.

All’epoca dei fatti si era laureato da appena 2 anni, quindi non aveva neanche le conoscenze per lavorare ad un brevetto. L’ingegnere ha dichiarato di aver parlato qualche volta dell’idea di creare un sistema per velocizzare l’accesso alla rete al riavvio del telefono, ma sempre come idea e mai come un vero e proprio sistema.

Il tentativo di Apple di far decadere quel brevetto al momento pare non sia destinato ad avere successo.

Cosa ne pensi?