Apple aiuterà la Gran Bretagna per la Brexit

Nel novembre dello scorso anno la Gran Bretagna chiese aiuto ad Apple. In ottica di Brexit, quindi l’uscito del Regno Unito dall’Unione Europea, ci saranno molti disagi alle frontiere inglese. Oltre all’esodo di molti lavoratori sprovvisti di permessi, ogni volta che si entrerà o uscirà alla Gran Bretagna bisognerà ottenere il visto.

Questo potrebbe portare a delle congestioni negli aeroporti inglesi. Da qui la richiesta di aiuto ad Apple. Visto che molti utilizzano l’iPhone e nello smartphone di Apple c’è la tecnologia NFC, il governo inglese vorrebbe avere accesso alle API di quel chip per virtualizzare i documenti e validarli velocemente ai tornelli.

Sentita la richiesta di aiuto, Apple ha deciso di porgere la mano e fornire l’accesso al chip NFC dell’iPhone.

Ho avuto numerose conversazioni con Apple ai massimi livelli per garantire che tutti possano utilizzare l’app Brexit. Insieme abbiamo lavorato sodo per trovare una soluzione che consentisse all’app di funzionare sui propri dispositivi. Sono lieto di confermare che Apple apporterà le modifiche necessarie e che l’applicazione funzionerà sui dispositivi mobili e tablet entro la fine dell’anno.

Ha dichiarato Sajid Javid, segretario degli interni inglesi. La Brexit app fornirà supporto ai 3,5 milioni di lavoratori europei che abitano in Gran Bretagna.

Cosa ne pensi?