Surfer ritrova il suo Apple Watch nell’Oceano dopo 6 mesi e funziona ancora

L’Apple Watch, dalla seconda generazione in poi, è resistente all’acqua. La società lo ha reso sempre più resistente, infatti può sopravvivere teoricamente fino a 50 metri di profondità. Il che lo rende un oggetto utilizzabile anche per chi va al mare.

Lo sa bene Robert Bainter. L’uomo stava facendo surf sulle spiagge di Huntington Beach in California. Uscendo dall’acqua, però, si è accorto che sul polso non c’era più il suo Apple Watch. A quanto pare si era slacciato in acqua inghiottito dalle onde.

Ma quella di oggi è una storia romantica. L’uomo, tornato a casa, aveva bloccato il dispositivo e attivato un messaggio sullo schermo mediante il Find My iPhone. Il romanticismo sta nel fatto che qualcuno, mesi dopo, ha ritrovato l’Apple Watch e ha richiamato Robert per riconsegnarglielo.

È bastata togliere la salsedine, ricaricare l’orologio e ritrovare tutti i dati così come erano stati lasciati nello smartwatch. L’Apple Watch in questione era perfettamente funzionante, anche se con un evidente alone sullo schermo causato dal sale del mare.

Probabilmente se avesse avuto un AppleCare+ avrebbe anche potuto farselo cambiare con uno nuovo pagando una franchigia di 65 €.

Cosa ne pensi?