La startup Anki implode su se stessa insieme al robot Cozmo

Il mondo delle startup rappresentano una vera Eldorado per le idee, soprattutto quelle buone. Ma quando c’è di mezzo il denaro c’è anche della spietatezza. Lo sa bene Anki: una startup di robotica molto promettente che rischia di mettere in imbarazzo la Silicon Valley.

La società aveva raccolto oltre 200 milioni di $ in fondi negli ultimi anni, creando prodotti di successo come Cozmo e Overdrive. Il primo era uno dei robot più carini degli ultimi anni. La seconda una pista di auto che attirò anche l’interesse di Apple, tanto da convincere la società a mostrare il prodotto nel corso di uno dei suoi Keynote.

A quanto pare la gestione delle finanze non è stata delle migliori. Gli azzardi negli investimenti ha portato ad un prosciugamento della liquidità in breve tempo. Tanto che l’amministratore delegato, Boris Sofman, ha deciso di chiudere tutto dopo l’ultimo giro di finanziamenti andato male.

Se una startup non riesce a raccogliere fondi il suo valore cala drasticamente, mandando nel panico gli investitori che per arginare i danni chiudono all’istante le linee di credito. Il risultato è stato il licenziamento dei 200 dipendenti che si occupavano dei progetti. Un vero bagno freddo inaspettato.

Fondata nel 2017, Anki aveva iniziato i suoi progetti dopo una raccolta di 100 milioni. L’obiettivo era evolversi nella robotica avanzata dopo essere passata per i giochi intelligenti. Purtroppo tutto questo non avrà più luogo, con tanta tristezza per il piccolo robot ormai deceduto.

Cosa ne pensi?