Ad Hong Kong la protesta passa per AirDrop

Honk Kong ha una storia molto affascinante, perchè potremmo considerarla il concept della Cina moderna. La prima regione cinese ad essersi aperta agli investimenti e al commercio, portando enorme benessere nell’area. Fin dalla metà del 1800 è stata una colonia Britannia, ma dal 1997 è ufficialmente cinese.

Questo doppio binario, occidentale e orientale, in un’area così ristretta a volte porta a dei problemi. Soprattutto perchè la Cine vuole tenere tutti e tutto sotto controllo con i suoi sistemi di tracciamento.

Proprio qualche giorno fa la Cina ha tentato di far approvare una legge che avrebbe consentito di estradare in Cina tutti i sospettati presenti ad Hong Kong. Una sorta di lasciapassare per epurare le persone non gradite al governo.

La protesta ha però portato alla fine di questa legge. Merito anche di AirDrop. Visto che dalla Cina avevano oscurato tutte le informazioni in merito, per arginare le proteste, i manifestanti hanno usato il sistema di Apple per far circolare le informazioni alle persone vicine.

AirDrop richiede una rete WiFi in comune o semplicemente il bluetooth. I manifestanti hanno quindi fatto circolare i motivi della protesta alle persone presenti nella zona evitando i blocchi cinesi sulle informazioni.

Una volta si diceva mettete dei fiori nei vostri cannoni. Ora mettete AirDrop nei vostri telefoni.

Cosa ne pensi?