Le vie di acquisto dell’iPhone 11, tutte le soluzioni disponibili

iPhone 11 Pro acquisto
iPhone 11 Pro acquisto

Ogni anno si ripete una sorta di spettacolo da circo intorno ad Apple. La società issa un enorme tendone chiamato iPhone e tutti accorrono a vedere o comprare cosa vi contiene. Si tratta di uno show dedicato alla tecnologia, dove si mostrano gli ultimi ritrovati del settore. Un evento che diventa un punto di riferimento di tutta la telefonia mondiale.

Ogni anno c’è anche il problema dell’acquisto. Gli iPhone non sono economici, anche se è vero che negli ultimi anno hanno aumentato molto la loro longevità. Ma resta il fatto che ognuno di noi cerca di trovare la strada meno costosa per l’acquisto. Ma quali sono queste strade?

Ecco il motivo per cui ho deciso di realizzare questa mega raccolta di possibilità, per avere ben chiara la situazione. Informazioni che ho raccolto io stesso per trovare un modo per avere l’iPhone 11 Pro e pagare il meno possibile. Partiamo con quella più semplice.

L’acquisto da Apple

L’acquisto presso il sito di Apple o in un Apple Store è la strada più semplice. Basta pagare l’importo, ritirare l’iPhone e usarlo senza ulteriori pensieri. Questa opzione offre il vantaggio di avere l’assistenza di 24 mesi presso Apple (12 mesi se si compra con partita IVA). Offre lo svantaggio di liberarsi di una bella fetta di liquidità.

Le franchigie AppleCare+
Le franchigie AppleCare+

Per circa 200 € circa potreste prendere anche l’AppleCare+ che vi copre da possibili e costose riparazioni, nel caso l’iPhone si rompa. Apple consente anche di ottenere delle agevolazioni per l’acquisto nei suoi negozi. In Italia sostanzialmente due opzioni:

  • La permuta: si porta ad Apple un iPhone in ottime condizioni e si riceve una Apple Gift Card da usare per acquistare il nuovo iPhone. Si tratta di una strada poco praticabile perchè la società valuta i suoi telefoni usati una miseria, denudandoli di ogni valore. Un iPhone X, per esempio, può valere al massimo 340 €. Un iPhone XS dello scorso anno 420 €. Si comprende quanto scarso valore la società dà ai suoi dispositivi se dovesse acquistarli lei.
  • Il tasso zero: un finanziamento TAEG 0% in 24 mesi. Visto che il finanziamento è concesso da Agos Ducato dovrete passare per la trafila della fornitura di tutta la documentazione, come busta paga o dichiarazione dei redditi. Attenzione alle rate indicate sul sito di Apple. La società indica la quota che dovreste pagare se effettuaste anche la permuta del vecchio iPhone, quindi in realtà saranno più alte.

Negli Stati Uniti c’è anche una terza opzione che da noi non è mai arrivata: l’iPhone Upgrade Program. Si tratta di un piano interessante che consente di cambiare iPhone tutti gli anni, avendo il vantaggio di includere l’AppleCare+. In pratica si paga il telefono con un finanziamento di 24 mesi, ma dopo 12 mesi lo si può restituire per prenderne uno nuovo, ripristinando il finanziamento che riparte a 24 mesi. La quota di un iPhone 11 Pro parte da 49,91 $ al mese.

Le quote dell'iPhone Update Program
Le quote dell’iPhone Update Program

Per chi ha una partita IVA o una società può anche scegliere un piano di noleggio. Questi prevede di restituire l’iPhone al termine del contratto. Per un iPhone 11 Pro da 256 GB bisogna pagare 284,60 € ogni 3 mesi. Al termine dell’anno lo si restituisce. Da un breve calcolo si comprende che dopo 1 anno si spende 1.138,4 €. Dove per 1.359 € lo si può comprare interamente e venderlo come usato al termine dell’anno.

Per le aziende c’è il vantaggio di scaricare tutta la quota del noleggio, in quanto diventa un servizio e non l’acquisto di uno smartphone (contabilmente gli smartphone per le aziende si possono scaricare solo la metà). Inoltre si recupera l’IVA. Un privato non ha nessun giovamento da questa strada.

Se in Italia vi fosse già l’Apple Card si potrebbe anche ricavarne un cash back del 3%, applicato se si usa la carta di credito di Apple nei suoi negozi. In questo caso, per l’acquisto di un iPhone da 1.359 €, avremmo ottenuto un bonus di 40,77 €.

Il finanziamento o il noleggio presso terzi

Ci sono molte società della grande distribuzione che permettono di acquistare un dispositivo elettronico e pagarlo a tasso zero. È una soluzione utile per chi non ha il budget disponibile e vuole mantenere lo smartphone per più anni. In questo modo lo si paga con tranquillità nel tempo.

Chi lo cambia tutti gli anni, invece, potrebbe non trovare comoda questa soluzione. Si ritrova a dover comprare il nuovo con delle rate ancora sul groppone. Per questo motivo alcune società si sono anche organizzate con piani di finanziamento che permettono di cambiare l’iPhone tutti gli anni, come fa Apple con l’iPhone Update Program. Mi vengono in mente due esempi:

  • L’iPhone Forever di Mediaworld: l’iPhone 11 Pro costa 76,15 € al mese per 12 mesi. Il che fa 913,80 € in un anno. Al termine dell’anno si può decidere se restituire l’iPhone e terminare il tutto, oppure se riscattarlo per 445,21 €. In pratica si paga la somma totale di 1.359 €. Ovviamente conviene riscattarlo vendendolo come usato. Per l’iPhone in questione, simulando un calo di valore del 30%, si otterrebbero almeno 900 € (700 € nelle peggiori delle ipotesi). Si paga il riscatto e si ricava quasi 455 €. Lo stesso piano si può richiedere per 24 mesi. In quel caso la quota mensile è di 45,07 € e il riscatto di 277,24 €.
  • TIM Next: valida solo se si è clienti TIM. Sempre per l’iPhone 11 Pro da 256 GB si pagano 199 € subito e 39 € al mese per 30 mesi. Bisogna aggiungere 6,90 € la mese per l’assicurazione aggiuntiva e 9,99 € di attivazione. Dopo 6 mesi si può restituire il dispositivo cessando il contratto. Per esempio in un anno si paga 749,80 €. Se acquistassimo lo smartphone come nuovo e lo rivendessimo dopo un anno, quindi pagando 1.359 € e ricavando 900 € dalla vendita, avremmo perso 459 €. Con questo piano di TIM ne avremmo persi 749,80 €. Quindi in sostanza conviene fino ad un certo punto.
Il piano di Mediaworld Forever per un iPhone 11 Pro da 256 GB
Il piano di Mediaworld Forever per un iPhone 11 Pro da 256 GB

Alcune aziende, se si possiede la partita IVA, consentono di noleggiare lo smartphone come fa Apple. Ne ho contattata una e la quota trimestrale proposta è di 300,22 €. Leggermente superiore a quella proposta da Apple. Anche in questo caso il telefono va restituito.

Acquisto presso terzi

Di solito l’acquisto presso altri negozi e siti web conviene dopo qualche mese dall’inizio delle vendite. Non è un segreto che alcuni rivenditori giocano sull’acquisto e la vendita dei dispositivi all’estero ritagliando un margine per loro. Spesso si assiste a sconti che arrivano anche al 20%.

Di recente Apple ha anche aperto una sezione su Amazon dove vende i suoi dispositivi. Molti la preferiscono al sito ufficiale di Apple, perchè il trasporto di Amazon è molto più efficiente e la politica dei resi molto più permissiva e rapida.

Amazon periodicamente applica a sua indiscrezione anche dei piccoli sconti, quindi si trovano i prodotti ufficiali a prezzi inferiori al sito di Apple, nonostante il canale sia ufficiale. Inoltre su Amazon si possono usare i buoni ricevuti in regalo da promozioni e parenti.

L’ultima strada, la più rara, è lavorare in un’azienda che fornisce l’iPhone come strumento di lavoro e quindi in comodato d’uso gratuito.

Se avete altre strade percorribili condividetele nei commenti.

Cosa ne pensi?